Eventi e mostre pittura - PITTart.com

  Scrivi la tua mostra o il tuo evento d'arte           
Home PageHome   Annunci di ricerca per preparare nuovi eventi d'arteAnnunci Arte   Biografie Artisti Pittori - Scrivi e pubblica da solo la tua biografiaBiografie Artisti   Pittura e artisti pittori - Per pubblicare gratis le tue opere e la tua biografiaPittura e artisti pittori in mostra
Scrivi i tuoi commenti sull'evoluzione del concetto di arteCommentArte   Recensioni d'arteRecensioni  d'Arte  Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte   Scrivi un pensiero gentile sul libro degli ospiti o GuestbookGuestbook

EVENTI E MOSTRE PITTURA - SPAZIO INTERATTIVO

Spazio interattivo ove č possibile leggere o annunciare, solo eventi e mostre di pittura, quindi non scultura, non letteratura, non fotografia o video. Clicca sul tasto INFO e poi su SCRIVI.


Data Inserimento: Sun, Sep 4, 2011 - 20:41:55

Evento N°: 1156

Nome: melismichela

SPONSOR

Localitŕ: ROMA
Sabato 10 settembre 2011 s’inaugura alle ore 19.00 presso la Galleria Vista in via Ostilia 41 a Roma, la mostra collettiva “Il Rumore del Colore” degli artisti: Aurelio Biocchi, Maria Teresa Capelli, Giorgio Carnevali, Tommaso Liuzzi, Marco Pira, Lino Porrari, Reseda Orrů, Marco Sciarpa
Centro d’Arte Vista
Presenta
IL RUMORE DEL COLORE
Mostra collettiva
DURATA: dal 10 settembre al 23 settembre 2011
INAUGURAZIONE: sabato 10 settembre ore 19.00
ORARI: dal lunedě al venerdě 15.00 – 20.00; sabato 16.00 – 20.00
LUOGO: Galleria Vista, via Ostilia 41 (Colosseo), Roma
CURATRICE: Michela Melis
INFO: info@vistatv.it; www.vistatv.it
TEL: 0645449657
“Vista” č un centro dedicato all’arte e alla comunicazione che nasce dall’esperienza di alcuni giornalisti da sempre impegnati nell’organizzazione di eventi d’arte e cultura. Una project gallery che si rivolge ai giovani talenti esordienti, ma accoglie anche esperienze confermate all’ombra della splendida cornice del Colosseo.
In questo contesto Vista presenta la mostra collettiva “IL RUMORE DEL COLORE” curata da Michela Melis.
Spesso la parola rumore č associata a qualcosa di negativo, ad una sensazione di fastidio. Perché dunque utilizzare tale termine associato all’arte, e in particolare, al colore?
Il tema della mostra mi č balenato alla mente guardando le opere di Van Gogh: il colore ha una tale forza che trascende la forma. Ciň che colpisce i sensi dell’osservatore č il colore in tutta la sua forza, la sua energia.
Con “Rumore del colore” intendevo proprio questo: il senso primordiale, carnale dell’opera si risolve nell’espressivitŕ estrema del colore, nell’energia che cattura lo spettatore, invitandolo ad andare oltre la forma e lo spazio, parlandogli direttamente con una comunicazione diretta e concreta.
Il rumore del colore č come il rumore del mare e del vento: suoni armonici che hanno in sé la potenza cruda della natura.


Data Inserimento: Sun, Sep 4, 2011 - 01:57:30

Evento N°: 1154

Nome: maria grazia melandri

SPONSOR

Localitŕ: FORLI CESENA
COMUNE DI CERVIA
ASSESSORATO ALLA CULTURA

1315129709

ARTISTA: DOMENICO GRENCI

TITOLO DELLA MOSTRA: “Canto di Lontananze”

PERIODO: 24 SETTEMBRE – 15 OTTOBRE

SEDE ESPOSITIVA: ANTICHI MAGAZZINI DEL SALE
viale Nazario Sauro – Cervia (Ra)
tel. 0544 979253

INAUGURAZIONE: SABATO 24 SETTEMBRE – ORE 18.00


ORARI: lunedě, martedě, venerdě ore 17.oo - 20.oo; sabato ore 16.oo - 20.oo
domenica ore 10.3o - 12.3o e 16.oo - 20.oo

in collaborazione con: Galleria L’IMMAGINE - Cesena

L’Artista sarŕ presente alla vernice.
Presentazione di Emanuela Agnoli

Premessa:
Domenico Grenci nasce a Locri, in Calabria, nel 1981. Dopo essersi diplomato al Liceo Classico della sua cittŕ, nel 2000 si trasferisce a Bologna, dove frequenta l’Accademia di Belle Arti.
Una pittura, la sua, che nasce in ambiente informale per avvicinarsi successivamente alla figurazione. Il bitume č uno dei mezzi principali col quale si esprime e traccia le sue pennellate veloci e gestuali. Con l’ausilio dell’acqua fonde i segni che si spandono creando zone umide, mosse, flou; nasce cosě l’indistinzione nella quale si perdono i contorni, un disegno che ruba campo alle regole della pittura.
Il suo fare arte si avvicina notevolmente all’esperienza americana; l’opera viene creata lavorando circolarmente intorno ad essa, per avere diversi punti di vista.
Grenci subisce indubbiamente una fascinazione “romantica” che risiede nella propria sensibilitŕ pittorica, comune a tutti gli artisti che nei secoli hanno interpretato la figura femminile.
Le prime esposizioni risalgono al 2005, cosě come alcuni importanti premi ai quali ha partecipato; da allora, diverse gallerie italiane e spazi istituzionali internazionali hanno esposto i suoi lavori, con eccezionali consensi da parte della critica e del pubblico.
Il recente invito ad esporre alla 54a edizione della Biennale di Venezia, nella sede dell’Arsenale, conferma il lavoro significativo di questo giovane artista italiano.

La mostra:
Sono canti dolci e soavi come quelli delle sirene, le figure femminili di Grenci, che nascono dal profondo, incantando i viaggiatori che visitano la mostra.
La tela bianca č teatro di incontri-scontri, memorie che si credevano perse, scomparse solo in apparenza.

Alcuni lavori presentati, di grandi dimensioni, sono opere realizzate appositamente per l’esposizione ai Magazzini del Sale, ed affrontano, attraverso l’universo femminile, delle riflessioni sul senso della bellezza nella contemporaneitŕ, passando per sentieri che guardano da vicino varie esperienze legate alla storia dell'arte.
Corpi mercificati, oltraggiati, snaturati, privati della loro identitŕ, in nome di una bellezza sempre piů asettica, che non seduce quasi piů. Presenze mute, eteree, algide, le modelle sono semplici oggetti, mentre il vero soggetto č ciň che indossano.
In una realtŕ sempre piů omologata e frammentaria, dominata dalla cultura mediatica che predilige il futile al profondo, la bellezza effimera ai canoni estetici classici, la figura diviene stimolo ad un confronto poetico, emotivo ed intellettuale.

Le muse ispiratrici di Domenico Grenci toccano con leggerezza e sensibilitŕ la tela, dove l’incompletezza della sua pittura, povera di sontuose tecniche, fa affiorare la bellezza intesa nel suo senso piů profondo.
Di sensualitŕ, fragilitŕ e inquietudine sono permeate queste figure enigmatiche ed intime, che seducono e ti intrappolano in atmosfere rarefatte. Sono pretesto per una raffigurazione sentita del bello, in un’epoca in cui il congelamento dei sensi appiattisce l’esperienza individuale, nella quale piů nessuno appartiene a se stesso e ogni ricorso all’interioritŕ č scoraggiato.


Info: Comune di Cervia, Assessorato alla Cultura, tel. 0544 979253.
Organizzazione: Maria Grazia Melandri-Galleria L’IMMAGINE-Cesena
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
ssssssssss


Data Inserimento: Sun, Sep 4, 2011 - 01:41:08

Evento N°: 1152

Nome: maria grazia melandri

SPONSOR

Localitŕ: FORLI CESENA
COMUNE DI CERVIA
ASSESSORATO ALLA CULTURA

ARTISTA: DOMENICO GRENCI

TITOLO DELLA MOSTRA: “Canto di Lontananze”

PERIODO: 24 SETTEMBRE – 15 OTTOBRE

SEDE ESPOSITIVA: ANTICHI MAGAZZINI DEL SALE
viale Nazario Sauro – Cervia (Ra)
tel. 0544.979253

INAUGURAZIONE: SABATO 24 SETTEMBRE – ORE 18.00


ORARI: lunedě, martedě, venerdě ore 17.oo - 20.oo; sabato ore 16.oo - 20.oo
domenica ore 10.3o - 12.3o e 16.oo - 20.oo

in collaborazione con: Galleria L’IMMAGINE - Cesena

Presentazione di Emanuela Agnoli
l'artista sarŕ presente alla vernice

Premessa:

Domenico Grenci nasce a Locri, in Calabria, nel 1981. Dopo essersi diplomato al Liceo Classico della sua cittŕ, nel 2000 si trasferisce a Bologna, dove frequenta l’Accademia di Belle Arti.
Una pittura, la sua, che nasce in ambiente informale per avvicinarsi successivamente alla figurazione. Il bitume č uno dei mezzi principali col quale si esprime e traccia le sue pennellate veloci e gestuali. Con l’ausilio dell’acqua fonde i segni che si spandono creando zone umide, mosse, flou; nasce cosě l’indistinzione nella quale si perdono i contorni, un disegno che ruba campo alle regole della pittura.
Il suo fare arte si avvicina notevolmente all’esperienza americana; l’opera viene creata lavorando circolarmente intorno ad essa, per avere diversi punti di vista.
Grenci subisce indubbiamente una fascinazione “romantica” che risiede nella propria sensibilitŕ pittorica, comune a tutti gli artisti che nei secoli hanno interpretato la figura femminile.
Le prime esposizioni risalgono al 2005, cosě come alcuni importanti premi ai quali ha partecipato; da allora, diverse gallerie italiane e spazi istituzionali internazionali hanno esposto i suoi lavori, con eccezionali consensi da parte della critica e del pubblico.
Il recente invito ad esporre alla 54a edizione della Biennale di Venezia, nella sede dell’Arsenale, conferma il lavoro significativo di questo giovane artista italiano.



La mostra:

Sono canti dolci e soavi come quelli delle sirene, le figure femminili di Grenci, che nascono dal profondo, incantando i viaggiatori che visitano la mostra.
La tela bianca č teatro di incontri-scontri, memorie che si credevano perse, scomparse solo in apparenza.

Alcuni lavori presentati, di grandi dimensioni, sono opere realizzate appositamente per l’esposizione ai Magazzini del Sale, ed affrontano, attraverso l’universo femminile, delle riflessioni sul senso della bellezza nella contemporaneitŕ, passando per sentieri che guardano da vicino varie esperienze legate alla storia dell'arte.
Corpi mercificati, oltraggiati, snaturati, privati della loro identitŕ, in nome di una bellezza sempre piů asettica, che non seduce quasi piů. Presenze mute, eteree, algide, le modelle sono semplici oggetti, mentre il vero soggetto č ciň che indossano.
In una realtŕ sempre piů omologata e frammentaria, dominata dalla cultura mediatica che predilige il futile al profondo, la bellezza effimera ai canoni estetici classici, la figura diviene stimolo ad un confronto poetico, emotivo ed intellettuale.

Le muse ispiratrici di Domenico Grenci toccano con leggerezza e sensibilitŕ la tela, dove l’incompletezza della sua pittura, povera di sontuose tecniche, fa affiorare la bellezza intesa nel suo senso piů profondo.
Di sensualitŕ, fragilitŕ e inquietudine sono permeate queste figure enigmatiche ed intime, che seducono e ti intrappolano in atmosfere rarefatte. Sono pretesto per una raffigurazione sentita del bello, in un’epoca in cui il congelamento dei sensi appiattisce l’esperienza individuale, nella quale piů nessuno appartiene a se stesso e ogni ricorso all’interioritŕ č scoraggiato.




Info: Comune di Cervia, Assessorato alla Cultura,
tel. 0544 979253.
Organizzazione: Maria Grazia Melandri
Galleria L’IMMAGINE-Cesena


Data Inserimento: Thu, Sep 1, 2011 - 10:47:29

Evento N°: 1151

Nome: Associazione culturale Soqquadro

SPONSOR

Localitŕ: REGGIO EMILIA
Nei giorni 23, 24 e 25 settembre 2011
Soqquadro partecipa con tredici dei suoi artisti alla fiera d’arte Arteinfiera di Scandiano (RE).

Artisti partecipanti:
FRANCO DALLA POZZA, ENZO FORLETTA, FRANCESCO GRANELLI, ANDREA LUCCHETTA, FABIO MARIGO, ANDREA MERCEDES MELOCCO, RAFFAELE MISCIONE, ROBERTA PEVERELLI, MAURIZIO PICCIRILLO, ANGELA SCAPPATICCI, JESSICA SIEFF, NORBERTO TEDESCO, MAURO ZUCCHI

DURATA: 23-25 settembre 2011
INAUGURAZIONE: venerdì 23 settembre ore 15.00
ORARI: 23 settembre 15.00/19.00 – 24 e 25 settembre 10.00/19.00
LUOGO: Parco Fiere Scandiano (RE)
CURATRICE: Marina Zatta
INFO: 333.7330045
@mail: soqquadro@interfree.it
Web: www.soqquadro.eu

Soqquadro partecipa a questa edizione della fiera d’arte di Scandiano con 4 stand in cui espone tredici dei suoi artisti che rappresentano vari stili artistici, figurativo, informale, astratto, computer art, impressionismo. In tutte e tre le giornate di svolgimento della Fiera, all’ora di apertura, è prevista un’inaugurazione che si effettuerà alla presenza di Autorità Provinciali, Regionali e addetti del settore.

Franco Dalla Pozza si esprime attraverso forme a spirale solo apparentemente identiche a loro stesse, ma che invece si sviluppano nelle varie e possibili direzioni della mente da cui sono generate e che, in parte, generano. Per costruirle Dalla Pozza ha utilizzato degli strumenti da lui ideati che servono a produrre, sotto guida attenta e controllata del pittore, un'evoluzione "naturale" del cerchio e un suo sviluppo spaziale che ne solidi l'esistenza rendendolo entitĂ  possibile.

Enzo Forletta parla così del suo lavoro: "Dai graffiti preistorici sulla roccia ai graffiti sui muri e sulle saracinesche attraverso impressionismo, divisionismo, surrealismo, cubismo, futurismo, realismo, dalla Gioconda alle Ninfee ai Girasoli, tutto è stato dipinto infinite volte ma la spinta all’espressione continua e ogni pennellata è sempre la prima e ogni colore o impasto è sempre unico, originale mai uguale conta solo l’essenza quando la si riesce a cogliere."

Francesco Granelli affronta diversi stili, tutti rivolti alla rappresentazione formale dell’immagine e dell’immaginario, in cui prevalgono i colori caldi del rosso e del giallo disposti con pennellate brevi ma violente; l’incontro fra i colori deve rappresentare l’incrocio tra le diversità e le conoscenze; ogni opera si deve risolvere in brevissimo tempo (action painting) altrimenti perde il contatto con l’estro conduttore perché, come diceva Kris, “l’artista non rappresenta la natura, né la imita, ma la crea di nuovo”

Andrea Lucchetta, parlando di sé, ci dice: La sofferenza mi ha portato alla pittura psicosomatica. Il mio cammino si rivolge alla persona in tutti i sensi. Ho ripassato quelli che erano i tratti somatici delle persone, i volti, e sono andato nello specifico con i particolari anatomici e, adesso che mi sento pronto, trasferisco le immagini che vedo nel foglio.

Fabio Marigo ama indagare il macabro, l'occulto, la volgarità e il dolore con la forza della provocazione. Di se stesso dice: Non ho fatto scuole altolocate. Non ho titoli di studio importanti ne' lauree pluricentenarie. Non conosco personaggi illustri. Non ho esposto in gallerie dai nomi cool. Non vengo pubblicato e non vinco concorsi. Non faccio parte dell'ultra-snob élite degli artisti contemporanei. Non cerco di essere innovativo e originale. Non cerco fama o gloria. Dipingo solo ciò che sento veramente.

Andrea Mercedes Melocco espone in questa occasione i suoi Totem: assi di legno fortemente incise e destinate all'abbandono riprendono vita. Un minuzioso e lunghissimo lavoro, guidato da uno sguardo che va oltre l'immediatezza, vaga oltre i confini della mente, là dove ogni materia ritrova l’unità originaria rimarginando le ferite aperte. Le vene e le arterie riprendono vita e accolgono segni in metallo che formano pentagrammi simbolici su cui si modulano intense visioni interiori.

La pittura di Raffaele Miscione trae spunto da molti motivi,trovi a esempio i colori gualciti dei vecchi muri di Napoli, degli intonachi dei vicoli, della lava del Vesuvio, le porosità dei tufi; quella di Miscione è pittura di memoria, materia toccata di una luce che la fa esplodere,ricordi ancestrali e immagini sepolte da cenere. Raffaele Miscione si diploma all'Istituto Statale D'Arte di NAPOLI sotto la guida di: Enrico Cajati Ginevra Rizzuto Elio Waschimps e frequenta in seguito l'Accademia delle Belle Arti di Napoli.

Roberta Peverelli presenta in questa occasione opere della serie "Abstraction" di cui ci dice: è un viaggio a ritroso nel tempo, antica memoria di terre lontane e antichi mosaici. Le opere traggono ispirazione dai mosaici bizantini, di cui uno degli elementi preminenti fu la lirica della luce, attraverso la quale proiettare immagini fantasiose in una dimensione astratta ed ultrasensibile. Qui lo spazio tende a dilatarsi, e le figure si convertono in immagini immateriali e ricche di colori. La natura resta comunque sempre il fulcro della mia esplorazione.

L’arte digitale, è l’ultimo sentiero intrapreso da Maurizio Piccirillo. Della sua scelta l’artista ci dice che: “Dopo la musica e la poesia, l’elaborazione di frattali mi ha incuriosito e catturato. Con la geometria frattale il mio scopo è riunire nel mio mondo artistico suono, parole e immagini. Per ora rimango affascinato dall’arte frattale. Questo si può notare dall’utilizzo dello sfondo nero, colore che caratterizza il mio stile e mi consente di rendere vive le immagini rendendo la musicalità, la poesia e la delicatezza.

Angela Scappaticci presenta opere che orbitano intorno alla monocromia del bianco e ci spiega: "L'idea è sfatare il concetto per cui i quadri debbano essere realizzati con i colori; un quadro può essere costituito anche solo da forme e simbolismi. Il bianco è la risultanza derivante dalla somma dei colori nello spettro elettromagnetico, ed è denso di significati: dalla purezza e spiritualità occidentali al simbolo del lutto di molte religioni orientali. Il bianco è la tavolozza cromatica più completa in cui tutto si può immaginare.

Jessica Sieff , partendo dalle cose più piccole e semplici, come una goccia d'acqua o un fiore, passando per la complessità del volto umano, fino all'immensità di un paesaggio, ricerca la perfezione e la bellezza del mondo in cui vive. Crea immagini che possano attirare l'osservatore per la loro semplicità, scontata e allo stesso tempo tanto prepotente che non può lasciare impassibile. Per evidenziare questo discorso la Sieff "calca la mano" con forti contrasti cromatici e violenti giochi di luci e ombre.

Norberto Tedesco predilige il figurativo, con escursioni in altri generi. Per la pittura usa oli, acrilici e gessetti su legno o carta, per la scultura il legno o l’argilla. Lavora da foto che fa ad amici e parenti che usa come modelli, elaborandole anche in computer grafica per la realizzazione di collage - decollage. Ha fondato ed è presidente di una associazione artistica con la quale promuove l’arte nel suo territorio, a Giffoni Valle Piana.

Mauro Zucchi dice: “Dipingere per me significa uscire da una società dominata dalle logiche meccaniche e tecnologiche. Questa realtà priva di umanità mi spinge a cercare nella pittura Forme espressive, portatrici di contenuto, nelle quali il colore è anima e sostanza. Non parto da correnti contemporanee, ma dall'analisi dei grandi classici otto e novecenteschi, con una nuova e intima consapevolezza semantica e linguistica del paesaggio, dell'oggettistica e dei sentimenti umani che rappresentano il mio "Essere".


Data Inserimento: Thu, Sep 1, 2011 - 06:33:18

Evento N°: 1149

Nome: Letizia Lisi

SPONSOR

Localitŕ: NON SPECIFICATO
L'Associazione Artistico Culturale --IL MELOGRANO-- di Letizia Lisi , PRESENTA l'evento d'arte----IL SILENZIO CROMATICO-- IL SACRO IL TERRITORIO---dal 7 al 21 settembre 2011 Taranto- TRAMONTONE --VIA GREGORIO VII SALONE ESPOSITIVO ADIACENTE Chiesa S. Egidio Qualificata collettiva, 20 artisti, 60 opere di notevole pregio in esposizione. Orario 9,00--20,00

<---   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121   122   123   124   125   126   127   128   129   130   131   132   133   134   135   136   137   138   139   140   141   142   143   144   145   146   147   148   149   150   151   152   153   154   155   156   157   158   159   160   161   162   163   164   165   166   167   168   169   170   171   172   173   174   175   176   177   178   179   180   181   182   183   184   185   186   187   188   189   190   191   192   193   194   195   196   197   198   199   200   201   202   203   204   205   206   207   208   209   210   211   212   213   214   215   216   217   218   219   220   221   222   223   224   225   226   227   228   229   230   231   232   233   234   235   236   237   238   239   240   241   242   243   244   245   246   247   248   249   250   251   252   253   254   255   256   257   258   259   260   261   262   263   264   265   266   267   268   269   270   271   272   273   --->
(Totale Eventi: 1361)