Eventi e mostre pittura - PITTart.com

Home PageHome    Le tue pagineLe tue pagine      Scrivi la tua mostra o il tuo evento d'arte             Mostre pitturaMostre Pittura
Eventi d'arte archiviatiEventi e Mostre d'arte archiviati      Richiedi il circuito eventi e notizie d'arte per il tuo sitoRichiedi circuito Eventi e Notizie d'Arte     Correnti d'arteCorrenti d'arte
Elenco pittoriElenco Pittori  Elenco Gallerie d'ArteGallerie d'Arte   Elenco Critici d'ArteCritici d'Arte   Elenchi Belle Arti - Produzione o VenditaDitte Belle Arti   Musei e PinacotecheMusei   Concorso pitturaConcorso Pittura
Annunci preparatori di eventi d'arteAnnunci preparatori di eventi d'arte  Scrivi il tuo concetto d'arteScrivi il tuo concetto di arte  Scrivi gratuitamente e Annuncia il tuo evento d'arte Annuncia una mostra d'arte

Biografie Artisti

Questo spazio è dedicato alla pubblicazione gratuita dei soli artisti pittori che desiderano presentare al pubblico la sintesi della propria carriera. Se sei un pittore e vuoi aggiungere qui la tua biografia, clicca sul tasto scrivi.


Data Inserimento: Wed, Nov 8, 2017 - 23:31:42

Artista N°: 115

Nome: paolo tagliaferro

SPONSOR

Località: Italy
Paolo Tagliaferro nasce il 25 settembre 1981 a Lonigo, in provincia di Vicenza. Fin da piccolo appassionato di pittura, anche grazie agli insegnamenti del padre Luigi, inizia il suo percorso artistico eseguendo copie d’autore, principalmente di Caravaggio ma anche di altri pittori del XVII secolo. Frequenta il Liceo Artistico “A. Martini” a Vicenza, per poi conseguire la laurea in pittura presso l’Accademia di Belle Arti “G.B. Cignaroli” a Verona, nel 2007. Durante gli studi all’accademia, si avvicina all’iperrealismo (corrente pittorica nata negli Stati Uniti negli anni ’70 del secolo scorso). Le prime sperimentazioni di Paolo riguardano il genere della natura morta, per poi allargarsi ai ritratti, ritratti di animali, proponendo anche nature morte con giocattoli moderni e non. Dopo gli inizi, con la partecipazione a concorsi di pittura e mostre nel vicentino, grazie anche all’apprezzamento di critici e galleristi arriva ad esporre alla 54ma edizione della Biennale di Venezia nel 2012, e a collaborare con gallerie d’arte in Italia e all’estero. Dal 2013 arricchisce la sua esperienza artistica e culturale con l’insegnamento della pittura iperrealista presso lo studio di Lonigo, per poi scrivere nel 2014 un dettagliato manuale tecnico sulla pittura iperrealista.

16-24 settembre 2017
Mostra collettiva “Secondo Festival dell'Arte Figurativa, dell' IPERREALISMO e del Ritratto, ovvero il ritorno della tecnica”, Civitavecchia. Sono stato premiato tra i primi 5 finalisti al concorso dedicato alla sezione iperrealismo.
Associazione culturale, il Piacere dell Arte.
Cittadella della Musica, Foyer “Ennio Morricone” e ex chiesa di San Giovanni di Dio
Evento promosso da: Fondazione cassa di risparmio di Civitavecchia.
Curatore: Giancarlo de Gennaro

L artista è stato invitato alla Bottega d Arte Artemisia di Taranto per tenere un Workshop di Pittura Iperrealista dal 29-31 luglio 2017

24 giugno – 23 luglio 2017
mostra collettiva “Genio e Bellezza controcorrente”. Grandi maestri del Novecento e oltre.
Comune di Mercatello sul Metauro.
Curatore Gilberto Grilli

23 novembre – 2 Dicembre 2016
mostra collettiva “Watermark”
Venezia, Parrocchia di San Nicola da Tolentini Schola dei Laneri, Santa Croce 113/A
a cura di Gaia Romano con la critica di Luca Cantore D’Amore
direzione artistica e coordinamento Eva Amos

14 novembre – 14 dicembre 2016
Mostra collettiva “tra Iperrealismo e Realtà”
Milano, galleria d’ arte Arte Milano Incontri
Curatore Giorgio Grasso

27 Aprile – 15Maggio 2016
Mostra collettiva “In arte Veritas”
Fano, Chiesa di San Michele
Curatore Gilberto Grilli.



Febbraio 2015 – Aprile 2016
Partecipazione alle seguenti mostre collettive, tenutesi presso: Artheerenveenart Art Gallery, città Heerenveen, Olanda (curatore: Francesco Basile).
Il segno della memoria – la memoria nel segno (16-30 Aprile)
Archeologie van de communicatie aan het beeld van zijn dubbelrol 25 novembre – 10 dicembre
Visionar (3-20 novembre)
Kleuren van de herfst 27 Settembre-10 Ottobre 2015
Il destino, la linea immaginaria della vita dal 24.03.2015 al 07.04.2015
Strutture-divisioni: la visione delle strutture dal 18.03.2015 al 31.03.2015
Oltre la linea gialla Dal 12 febbraio al 14 marzo

27 Febbraio – 6 Marzo 2016
Rassegna d’arte nella memoria del Beato Angelico (mostra collettiva)
Palazzo delle Opere Sociali della Diocesi di Vicenza, piazza Duomo.
Organizzatore: UCAI (Unione Cattolica Artisti Italiani).




3-31 Ottobre 2015
Mostra collettiva Bellezza, cura per l’anima
Palazzo Ubaldini, Apecchio.
Curatore: Gilberto Grilli.

Agosto – Ottobre 2015
Mostra itinerante collettiva
Grand Tour Internazionale dell'arte in Russia
18-30 Agosto: San Pietroburgo, Galleria Centrale dell'Unione San Pietroburgo degli artisti
6-18 Settembre: Volgograd, Museum of fine Arts named after II Mashkov
22 Setttembre – 5 Ottobre: Mosca, Central House of Artists
14-28 Ottobre: Krasnodar, Regional Showroom of fine Arts
Curatore: Olga Okuneva, fondatrice dell’Associazione internazionale dell’arte, Spoleto.

Gennaio 2012 – Aprile 2014
Partecipazione alle seguenti mostre collettive, tenutesi presso: Galerie Unique, Torino.
Curatore: Patrick Caputo.
Arte figurativa, ieri, oggi, domani 15 marzo - 5 aprile 2014
AL.TA.BU, L’assoluta eccellenza dell’arte pittorica figurativa 21 giugno al 19 luglio 2013
(opere di Lorenzo Alessandri, Paolo Tagliaferro e Saturno Buttò)
Estarte 15 giugno 6 luglio 2012
Realismo Radicale14 gennaio al 10 febbraio 2012. Opere di: Giuseppe Mallia, Francesco Stile, Paolo Tagliaferro


30 novembre -15 dicembre 2013
Diamanti (mostra collettiva: opere di Annigoni, Piacesi, Schifano, Tagliaferro…)
Spazio Exhibition Art, Arco di Augusto, Fano (Pesaro e Urbino).
Curatore: Gilberto Grilli.

21 Settembre – 27 Ottobre 2013
Viaggio al centro dell’arte (mostra collettiva)
Galleria d’arte Donato Bramante, Fermignano (Pesaro e Urbino).
Curatore: Gilberto Grilli.

20 Luglio – 4 Agosto 2012
Mostra collettiva Locus Animae
Laguna Shopping, Jesolo.
Curatore: Stefano Momenté.

11 Luglio – 5 Settembre 2012
Mostra collettiva Art Quake
Chiostri di S. Domenico, Reggio Emilia.
Curatore: Zonta Club Reggio Emilia, con Alberto Agazzani.

Dicembre 2011 – Gennaio 2012
Biennale di Venezia, 54ma edizione – Padiglione Italia, Torino. “L’arte non è cosa nostra” (mostra collettiva)
Palazzo delle Esposizioni “Sala Nervi”, Torino.
Curatore: Vittorio Sgarbi.

2011
Vietato l’accesso. L’altra biennale (mostra collettiva)
Rocca Roveresca, Senigallia.
Curatore: Gilberto Grilli.

12 Dicembre 2009 – 18 Gennaio 2010
Altre contemplazioni (mostra collettiva)
Curatore: Alberto Agazzani, Galleria Libra Arte Contemporanea, Catania.

12 Settembre – 4 Ottobre 2009
Dentro (opere di: Andrea Boyer, David De Biasio, Marica Fasoli, Paolo Tagliaferro, Michele Taricco, Luciano Ventrone)
Galleria Gagliardi, San Gimignano (Siena).
Curatore: Alberto Agazzani.



5 Agosto – 6 Settembre 2009
Contemplazioni. Bellezza e tradizione del nuovo nella pittura italiana contemporanea ( tra gli artisti piu noti: Luciano Ventrone, Agostino Arrivabene, roberto ferri, paul beel, omar galliani, luigi benedicenti, andrea boyer, ana kapor, gonzalo orquin, salvatore mammoliti, alessandro papetti, marco petrus, marzio tamer, paolo tagliaferro
Castel Sismondo e Palazzo del Podestà, Rimini.
Curatore: Alberto Agazzani.

Febbraio – Maggio 2009
Partecipazione alle seguenti mostre collettive tenutesi presso Galleria Infantellina Contemporary, Berlino.

I’m blue 19 aufstrebende italienische Talenten 3/4/2009 al 4/5/2009
Eroeffnung der Ausstellung “Look at me”13 febbraio al 12 marzo
Verlägerung der Ausstellung "Italian do it 2" 23 gennaio 2009- 10 febbraio 2009


15-18 Luglio 2006
Rassegna di pittori Veneti
Villa Sangiantofetti Rigon, Ponte di Barbarano Vicentino (Vicenza).
Curatore: Renzo Zoia.

2000
Pittori leoniceni (mostra collettiva)
Galleria del Teatro comunale di Lonigo (Vicenza).
Curatore: proloco di Lonigo, ma non c'era una persona

2000
Io futurista dipingo la velocità (mostra collettiva)
Basilica Palladiana, Vicenza.
Curatore: Liceo Artistico statale (non hai un nome di persona da indicare?) credo qualche insegnante ma non ricordo.
Era la mostra di fine anno organizzata dalla scuola senza un vero curatore. Probabilmente uno dei miei insegnanti si era occupato di organizzarla (forse l insegnante di disegno ceresa ivana, ma non ricordo bene)


FIERE D’ARTE

26-28 Febbraio 2016
Oxford International Art Fair
Oxford Town Hall, England.
Gallerista: Francesco Basile – Artheerenveenart Art Gallery, Heerenveen, Olanda.

Agosto 2015
Amsterdam International Art Fair
Located Beurs van Berlage- Amsterdam.
Gallerista: Francesco Basile – Artheerenveenart Art Gallery, Heerenveen, Olanda.

2014
ART Innsbruck
Gallerista: Patrick Caputo, Galerie Unique, Torino.

2008
Bergamo Arte Fiera
Gallerista: Matteo Vanzan, Galleria Artesgarro, Lonigo.

2006
Padova Arte Fiera
Galleria Alba Gallery, Ferrara.
Curatore: Roberto Puviani.



2003- 2010
in Entrambi le due edizioni sono stato finalista tra i primi 30 classificati alla mostra-concorso
Premio Arte Mondadori 2003 (dipinto: limoni al sole )
Premio Arte Mondadori 2010 (dipinto: Come giocavamo).
Milano Palazzo Museo della Permanente, Via Turati.

2004
Segnalazione di merito: concorso nazionale di pittura contemporanea Premio Agazzi, Mapello (Bergamo).

2002 e 2008
Primo premio: concorso per la realizzazione della cartolina della Fiera di Lonigo.
Galleria di Palazzo Pisani, Lonigo (Vicenza).

COLLABORAZIONI

2011
Realizzazione della locandina del film “Le stelle inquiete” di Emanuela Piovano (2011), in collaborazione con la casa cinematografica Kitchen Film, Roma.

LABORATORI E APPROFONDIMENTI
NOVEMBRE 2017
WORKSHOP DI PITTURA IPERREALISTA A ROMA DAL 30 NOVEMBRE AL 3 DICEMBRE 2017
ottobre 2017
intervista alla trasmissione televisiva 14 ottobre 2017
l artista organizza un workshop di pittura iperrealista sul ritratto e natura morta a mondello in sicilia dal 26 al 31 ottobre 2017
Settembre 2017
l artista organizza un workshop di pittura iperrealista sul ritratto a capalbio dal 2 al 9 settembre 2017
luglio 2017
L artista è stato invitato alla Bottega d Arte Artemisia di Taranto per tenere un Workshop di Pittura Iperrealista dal 29-31 luglio 2017

DICEMBRE 2016
breve Esperienza nel Liceo artistico statale di Lovere (bergamo) a contatto con i docenti e studenti per discutere dello studio e pratica e importanza della pittura ai giorni nostri.

Luglio 2005
Meeting internazionale di pittura contemporanea, Ostròda, Polonia.
Le opere realizzate durante il soggiorno sono state esposte alla mostra organizzata presso il castello di Ostròda.

Marzo 2006
incontro pratico di esperienza di disegno con i bambini di varie scuole elementari di Rovereto al museo del Mart (Trento) dopo la loro visita alla mostra di pittura sulla montagna. Ogni bambino doveva rappresentare il paesaggio di montagna a modo suo dopo aver visitato la mostra. Io ho seguito e stimolato la loro creatività durante queste ore dentro l aula didattica del museo del Mart.






Data Inserimento: Fri, Apr 28, 2017 - 14:59:08

Artista N°: 114

Nome: Maurizio Chevrier

SPONSOR

Località: LIVORNO
Ferdinando Chevrier




Ferdinando Chevrier nasce a Livorno il 6 gennaio del 1920. Comincia ad interessarsi alla pittura fra il 1934 e il 1936 frequentando lo studio del pittore post-macchiaiolo Renuc¬cio Renucci. Dopo la pausa della guerra, che lo vede impegnato sul fronte greco-albane¬se, nel 1946 Chevrier torna a dipingere e si iscrive alla scuola d'Arte "Amedeo Modiglia¬ni" diretta da Voltolino Fontani. Il suo esordio pubblico risale al 1948, quando espone le sue prime opere di chiara ispira¬zione neocubista in due mostre collettive a Bottega d'Arte di Livorno. AI passaggio del nuovo decennio, Chevrier abbandona la figurazione per abbracciare un tipo di astrazio¬ne geometrica caratterizzata da un marcato senso del movimento dato dal rapporto fra la forma in superficie e il fondo che l'accoglie.
Nel 1950 Chevrier entra a far parte del M.A.C. (Movimento Arte Concreta) seguendo di poco il pisano Gianni Bertini ed il pistoiese Mario Nigro, I sei anni di militanza nel M.A.C. riservano a Chevrier molte importanti occasioni espositive, Nel febbraio del 1950 espo¬ne, presentato in catalogo da Gillo Dorfles, alla libreria Vallerini di Pisa, Nel 1951 parteci¬pa alla mostra “Arte Astratta e Concreta in Italia” alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma e a due collettive del M.A.C. una a Milano e una a Torre Pellice; invia le sue opere al "Premio Golfo della Spezia" e alla "VI Quadriennale d'Arte" di Roma. AI 1951 risale inol¬tre una importante mostra personale, allestita alla libreria Salto di Milano, sede storica del M.A.C.
È significativo per Chevrier, in questo periodo, l'incontro con il mercante Bruno Giraldi. La mostra antologica che il pittore allestisce nel marzo del 1952 nelle sale della galleria Giraldi a Livorno, segna infatti l'inizio di una felice e quasi trentennale collaborazione fra i due. Dal 1955-'56, sciolti i legami con il M.A.C. Chevrier indirizza le sue ricerche pittoriche verso la poetica, allora molto diffusa in tutta Europa, dell’ “Informale”; concentrandosi sull’espressività del gesto e della materia.
Per tutti gli anni Sessanta e Settanta, Chevrier è presente in molte rilevanti mostre in Italia e all'estero. Espone all’Arte actual por el movimento artistico del Mediterraneo (Malaga-Siviglia-Barcellona-Valencia-Madrid). Espone alla rassegna della pittura italiana a Bat Yam nel 1961; tiene tre mostre personali in gallerie pubbliche e private del Lussemburgo (nel 1963, nel 1965 e nel 1969), e di Parigi (nel 1965). Nello stesso periodo partecipa a prestigiosi premi (al "Pre¬mio Modigliani - Città di Livorno” nel 1957 e nel 1958; al "Premio del Fiorino" a Firenze nel 1966;……).
Nell'aprile del 1960 fonda il circolo ricreativo “la Strega" insieme ai concittadini Jean Mario Berti ed Elio Marchegiani, con i quali, già l'anno prima, aveva dato vita ad un soda¬lizio artistico, battezzato dalla critica "i tre dell'astrattismo”.
Nel 1974 Chevrier si trasferisce a Milano e vi rimarrà fino al 2004.
Fra il 1980 e il 1990, quando il suo linguaggio artistico ha raggiunto ormai la piena auto¬nomia, Chevrier tiene molte esposizioni collettive e personali, tra le quali tre antologiche, a Como, a Gallarate e a Milano. Nel 2002-2003 il comune di Livorno gli dedica una importante esposizione antologica intitolata “Vivere l’immaginario”. La sua produzione artistica all’insegna di un “informale segnico” con connotazioni futuriste ed organiche (la velocità ed il movimento nelle sue composizioni sia geometriche che informali) caratterizza la sua singolare produzione artistica.
Muore il 31 luglio 2005 nella sua casa di Livorno.



Data Inserimento: Sun, Apr 9, 2017 - 22:08:31

Artista N°: 113

Nome: Aurelio Blengino

SPONSOR

Località: CUNEO
Aurelio Blengino è nato a Cuneo il 4 ottobre 1965, ha due figli: Filippo e Giacomo; di professione fa l'imprenditore nel settore immobiliare (www.interaffariimmmobiliare.it). E' un convinto 'obiettore di coscienza' con venti mesi di servizio civile attivo, alternativo alla leva militare, svolto nella "Croce Rossa"; ha fatto parte di numerose correnti ideologiche pacifiste e di alcuni movimenti non-violenti. E' presidente dal 1991 della "Associazione Internazionale per l'Umanità PROHUMANITY -Volontariato Senza Frontiere-" (sito memorial: www.prohumanity.org); ha operato in 'prima linea' in numerosi paesi martoriati dalla guerra come volontario umanitario, in seguito si è adoperato attivamente per la ricostruzione; rilevante la sua attività di 'humanitarian operator' svolta costantemente in Bosnia ed Erzegovina, in Croazia, in Krajina, in Kosovo... tra il 1992 e il 2000.

Il cammino artistico e creativo di Aurelio inizia a 5 anni: 'armato' di pastelli a cera colora impropriamente un grande paesaggio montano sulla facciata principale della casa di famiglia.

A 18 anni dipinge a olio su tela i suoi primi lavori e abbozza con il carboncino figurini di moda. Aurelio inizia così il suo poliedrico ed eclettico percorso di artista concettuale, miscela nella prima fase pittorica l'arte figurata con quella astratta; esemplificativo il suo dipinto del 1984 intitolato 'Adamo ed Eva' dove le due figure umane disegnate con il carboncino vengono circondate da colate di intenso colore.

Sul finire degli anni '80, l'artista si confronta con l'espressionismo astratto e con l'action painting -definita anche pittura d'azione o astrazione gestuale-.

Negli anni '90, Aurelio si cimenta nell'utilizzo della materia dando vita a dei 'policromi materici', opere che sembrano sballottate tra magneti opposti: pittura e scultura, movimento e stasi, astrazione e figurazione; un vero e proprio processo performativo con una combinazione di materiali disparati, spesso riciclati o simboleggianti, sui quali l'artista adagia sapientemente i colori. In questo periodo, l'esperienza come volontario umanitario nei paesi in guerra, segna fortemente la visione umana ed artistica di Aurelio, i suoi lavori esprimono: interiorità, disagio e sofferenza; in numerosi lavori artistici è presente simbolicamente il filo spinato raccolto personalmente dal pittore a Sarajevo o su altri fronti di guerra.

Il suo percorso sperimentale continua e nel nuovo secolo approda a inusuali tecniche pittoriche, miscela colori con sostanze chimiche incompatibili creando curiosi effetti cromatici; edifica altresì alcuni totem alti più di due metri dipinti astrattamente. Fa largo uso della resina naturale e del gesso.

Aurelio non fa il pittore-scultore di professione; spesso, terminata la giornata lavorativa, si reca nel suo affascinante laboratorio seminterrato. In questo luogo appartato e silenzioso ci passa parte della nottata; qui sperimenta, crea, distrugge e ricrea... un modo assai efficace per esternare il contenuto della sua interiorità.

Alcuni lo definiscono un artista concettuale, altri un artista sperimentale, altri ancora un artista d'azione in bilico tra scultura e pittura.

Aurelio Blengino è probabilmente un mix di tutte queste definizioni.

L'artista ha ricevuto prestigiosi premi e attestati nazionali ed internazionali; ha partecipato a numerose mostre in Italia, in Europa e in America: personali e collettive. Le prossime iniziative artistiche di Aurelio saranno tutte dettagliatamente descritte nella pagina 'eventi'. Attualmente l'artista espone permanentemente le sue opere in alcune collezioni private, in gallerie e nel suo studio di Cuneo -liberamente visionabili previo appuntamento-.

La critica del pubblico è un elemento gratificante e costruttivo per l'artista; molti simpatizzanti lo invitano da tempo a rendere più visibili i suoi lavori artistici ed è per questo motivo che Aurelio ha creato questa 'Gallery'. Quadri e sculture recenti, quadri del passato, bozzetti di moda, fotografie di guerra, installazioni e molto altro... un sito dinamico e costantemente aggiornato.

Assai interessante il 'blog', dove Aurelio esplicita tramite racconti, profonde riflessioni, aforismi... la propria visione dell'arte, della vita e del mondo contemporaneo nonché le 'strutturate' esperienze di guerra.

Potete contattare l'artista all'indirizzo mail: info@aurelioblengino.eu

A Voi la libera visione.

Buon cammino...



Data Inserimento: Sat, Sep 17, 2016 - 03:56:47

Artista N°: 112

Nome: Aurelio Blengino

SPONSOR

Località: Italy
Aurelio Blengino



Aurelio Blengino è nato a Cuneo il 4 ottobre 1965, è separato e ha due figli: Filippo e Giacomo; di professione fa l'imprenditore nel settore 'real estate'. E' presidente dal 1991 della "Associazione Internazionale per l'Umanità PROHUMANITY -Volontariato Senza Frontiere-". Ha operato in 'prima linea' in numerosi paesi martoriati dalla guerra come volontario umanitario, in seguito si è adoperato attivamente per la ricostruzione; rilevante la sua attività di 'peace operator' svolta costantemente in Bosnia ed Erzegovina, in Krajina e in Kosovo tra il 1991 e il 2000.

Il cammino artistico e creativo di Aurelio inizia a 5 anni: 'armato' di pastelli a cera colora impropriamente un grande paesaggio montano sulla facciata principale della casa di famiglia.

A 18 anni dipinge a olio su tela i suoi primi lavori e abbozza con il carboncino figurini di moda. Aurelio inizia così il suo poliedrico ed eclettico percorso di artista concettuale, miscela nella prima fase pittorica l'arte figurata con quella astratta; esemplificativo il suo dipinto del 1984 intitolato 'Adamo ed Eva' dove le due figure umane disegnate con il carboncino vengono circondate da colate di intenso colore.

Sul finire degli anni '80, l'artista si confronta con l'espressionismo astratto e con l'action painting -definita anche pittura d'azione o astrazione gestuale-.

Negli anni '90, Aurelio si cimenta nell'utilizzo della materia dando vita a dei 'policromi materici', opere che sembrano sballottate tra magneti opposti: pittura e scultura, movimento e stasi, astrazione e figurazione; un vero e proprio processo performativo con una combinazione di materiali disparati, spesso riciclati o simboleggianti, sui quali l'artista adagia sapientemente i colori. In questo periodo, l'esperienza come volontario umanitario nei paesi in guerra, segna fortemente la visione umana ed artistica di Aurelio, i suoi lavori esprimono: interiorità, disagio e sofferenza; in numerosi lavori artistici è presente simbolicamente il filo spinato raccolto personalmente dal pittore a Sarajevo o su altri fronti di guerra.

Il suo percorso sperimentale continua e nel nuovo secolo approda a inusuali tecniche pittoriche, miscela colori con sostanze chimiche incompatibili creando curiosi effetti cromatici; edifica altresì alcuni totem alti più di due metri dipinti astrattamente. Fa largo uso della resina naturale e del gesso.

Aurelio non fa il pittore-scultore di professione; spesso, terminata la giornata lavorativa, si reca nel suo affascinante laboratorio seminterrato. In questo luogo appartato e silenzioso ci passa parte della nottata; qui sperimenta, crea, distrugge e ricrea... un modo assai efficace per esternare il contenuto della sua interiorità.

Alcuni lo definiscono un artista concettuale, altri un artista sperimentale, altri ancora un artista d'azione in bilico tra scultura e pittura.

Aurelio Blengino è probabilmente un mix di tutte queste definizioni.

L'artista ha ricevuto prestigiosi premi e attestati nazionali ed internazionali; ha partecipato a numerose mostre in Italia, in Europa e in America: personali e collettive. Le prossime iniziative artistiche di Aurelio saranno tutte dettagliatamente descritte nella pagina 'eventi'. Attualmente l'artista espone permanentemente le sue opere in alcune collezioni private, in gallerie e nel suo studio di Cuneo -liberamente visionabili previo appuntamento-.

La critica del pubblico è un elemento gratificante e costruttivo per l'artista; molti simpatizzanti lo invitano da tempo a rendere più visibili i suoi lavori artistici ed è per questo motivo che Aurelio ha creato il sito: www.aurelioblengino.eu
Quadri e sculture recenti, quadri del passato, bozzetti di moda, fotografie di guerra, installazioni e molto altro... un sito dinamico e costantemente aggiornato.

Assai interessante il 'blog', dove Aurelio esplicita tramite racconti, profonde riflessioni, aforismi... la propria visione dell'arte, della vita e del mondo contemporaneo.

Potete contattare l'artista all'indirizzo mail: info@aurelioblengino.eu

Buon cammino...
/giu]



Data Inserimento: Sun, Jan 17, 2016 - 23:20:31

Artista N°: 111

Nome: Bianca Fasano

SPONSOR

Località: NAPOLI
Bianca Fasano



Pittrice e giornalista. Nata a Napoli, fin da giovanissima, in contemporanea con l’attività pittorica, esplica quella di poetessa e romanziera.
Trasferitasi nel Cilento,nel Salernitano, è inscritta all’albo giornalistico giacché corrispondente per testate quali il «Roma», «Il Mattino» e il «Giornale di Napoli».Ha pubblicato due libri a carattere storico uno di ricerca parapsicologica e sette tra romanzi,racconti e poesie: «Fantasie» (racconti - 1976); «Vita e morte d'Amore» (poesie - 1978); «Terra al sole» (romanzo autobiografico - 1984); «Stio tra storia e leggenda e cenni sulla Baronia di Maglíano» (saggio storico - 1986); «Nostra recita quotidiana» (romanzo - 1987), «Quel magico mondo lontano» (romanzo - 1989), "Polvere di storia", testo storico, sociologico e delle codificazioni, (Loffredo - 1991) e "Voci dal Passato", testo di studio sulla Parapsicologia in quattro volumi, 1994, per la Riemma Editore di Castiglione della Pescaia. Sempre con lo stesso editore, nel mese di maggio 2008 è andato in stampa il romanzo a fondo storico, ambientato nel 1963, dal titolo"Il tempo degli eroi". Ultimo lavoro, per le edizioni KMP MEDIA., società gruppo editoriale, è invece il libro "Scripta manent", poesie e racconti, nel 2010. L’Antologia "Dedicato a Parmenide", da lei curata, ha inoltre raccolto gli atti del Premio Parmenide di Poesia, narrativa, saggistica e parapsicologia dell’Accademia dei Parmenidei, da lei stessa fondata. Bianca Fasano si occupa di giornalismo del sociale cartaceo e su web, di recensioni e critiche d'arte ed ha pubblicato sue novelle e poesie su varie riviste esplicando inoltre attività dirigenziale in campo giornalistico e televisivo. Ha ricevuto molte ed importanti onorificenze in quanto scrittrice e nel campo giornalistico e pittorico; per l'opera omnia le è stato assegnato in cinque occasioni il Premio per la cultura dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Già insegnante di disegno e storia dell’arte, sociologa ed ha al suo attivo trenta "Personali" di pittura, oltre a partecipazioni a mostre collettive ed a premi di pittura e concorsi di estemporanea. Vanta oltre trentasei anni d’iscrizione all'albo come giornalista free lance.


PAGINA PRECEDENTE   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   PAGINA SUCCESSIVA
(Totale Artisti: 92)