Eventi e mostre pittura - PITTart.com

Home PageHome    Le tue pagineLe tue pagine      Scrivi la tua mostra o il tuo evento d'arte             Mostre pitturaMostre Pittura
Eventi d'arte archiviatiEventi e Mostre d'arte archiviati      Richiedi il circuito eventi e notizie d'arte per il tuo sitoRichiedi circuito Eventi e Notizie d'Arte     Correnti d'arteCorrenti d'arte
Elenco pittoriElenco Pittori  Elenco Gallerie d'ArteGallerie d'Arte   Elenco Critici d'ArteCritici d'Arte   Elenchi Belle Arti - Produzione o VenditaDitte Belle Arti   Musei e PinacotecheMusei   Concorso pitturaConcorso Pittura
Annunci preparatori di eventi d'arteAnnunci preparatori di eventi d'arte  Scrivi il tuo concetto d'arteScrivi il tuo concetto di arte  Scrivi gratuitamente e Annuncia il tuo evento d'arte Annuncia una mostra d'arte

Biografie Artisti

Questo spazio è dedicato alla pubblicazione gratuita dei soli artisti pittori che desiderano presentare al pubblico la sintesi della propria carriera. Se sei un pittore e vuoi aggiungere qui la tua biografia, clicca sul tasto scrivi.


Data Inserimento: Thu, May 9, 2019 - 17:27:47

Artista N°: 118

Nome: GAETANO MINALE

SPONSOR

Località: NON SPECIFICATO
My Story
A BIT ABOUT ME
BIOGRAFIA

1938 - Gaetano Minale nasce ad Agnone (Molise) il 4 Luglio. -

1949 - Frequenta la scuola d'Avviamento professionale e la scuola Tecnica ad Agnone e l' I.T.I. a Chieti dove si diploma come perito elettrotecnico. -

1951 - Primi disegni ad inchiostro di china esposti in bacheca della scuola Tecnica ad Agnone e inizio a dipingere i primi acquarelli.

1953 – La passione vera per la pittura inizia nel vedere dipingere un pittore a Castellammare di Stabia (NA) dove si trovava in visita presso i suoi cugini; dalla tela bianca che man mano si riempiva di colore, veniva fuori un paesaggio stupendo del golfo di Napoli, circondato da un verde intenso degli alberi, che gli destò subito interesse e modo da imitare l’artista che aveva visto. Tornato a casa , e comprato dei colori ad acquarello, iniziò a dipingere quel meraviglioso paesaggio che si vede dal castello della città partenopea. Ne uscì un lavoro apprezzabile che lo regalò al cugino; ritornato ad Agnone si divertiva ogni tanto a dipingere qualche soggetto a lui caro, ma per motivi di studio prima e dopo per lavoro, abbandonò la pittura , ma la passione mai.

1962 - Assunto da una società elettrica Unes , nazionalizzata nel 1963 come Enel . Inizia il lavoro ad Atessa nel 1963. -

1969 - frequenta l'atelier del maestro artigiano pittore restauratore Gennaro Bravo ad Atessa fino al 1975 ed apprende tutte le procedure dell'utilizzo dell'olio su tela . -

1975 - Prima mostra personale presso la Galleria del Corso ad Atessa organizzata da una gallerista di Cremona. -

1976 - Conosce il pittore incisore Gildo D'Annunzio che lo invita ad esporre le sue opere alla Galleria Gelmi di Sesto San Giovanni (Milano) in una collettiva con affermati artisti. Inizia cosi l'attività artistica di Minale Gaetano pittore e, fino ad oggi ha realizzato tra personali e collettive oltre 120 mostre in tutto il mondo.976 - La sua tematica pittorica per oltre un trentennio è stata la cultura e la tradizione contadina abruzzese, dove l'attaccamento alla propria terra appare evidente ; un mondo antico che va scomparendo , ne ravvisa la sofferta esistenza di un vivere che solo nel contatto profondo con la natura può trovare soluzioni esistenziali. In queste opere si riscontra una nostalgia struggente di un mondo che va scomparendo dovuto alla inciviltà di questa modernità.

2011 - La donna diventa la vera protagonista della sua pittura in simbiosi con la natura ; nascono le grandi tele dove si vedono lunghi paesaggi di immense distese di papaveri , girasoli e margherite dove la luce entra sugli ampi e fioriti prati e ne sparge la luminosità . Gialle ginestre ai piedi della Majella e gli spettacolari trabocchi lungo la costa adriatica del teatino a testimonianza della antica pesca su palafitte con rete, e poi le figure e volti di donne immerse tra i verdi prati fioriti che, anche se immobili parlano di vita.

1977 - Ha conseguito l'Oscar Italia per le arti figurative per " La sua Fattiva e Importante attività nel campo artistico-culturale "

1978 - Nominato Accademico d' Italia con medaglia d'oro.

1989 - Ottiene la nomina di Professore Onoris Causa e conferitogli il premio " Oxfort London Prize " .

1999 - dona al Pro Loco di Castel del Giudice (IS) 12 dipinti raffiguranti scorci e paesaggi del piccolo e suggestivo paese per utilizzarli alla riproduzione di serie di calendari da inviare a tutti gli emigranti della zona sparsi in molte parti del globo.

2008 - Collabora per la pubblicazione di un volume " Le Campane di Atessa " realizzando 12 dipinti di antiche chiese di Atessa oggi non più esistenti, ricostruite sulle base di documenti dell'epoca e testimonianze, che vengono riprodotte in appendice del libro a cura di Lello D'Amico.

2011 - Viene nominato artista per l'UNICEF provincia di Palermo , per la sua sensibilità artistica . -

2011 - La poetessa Silvana Poccione di Agnone realizza un video multimediale di Poesia musica e pittura dal titolo " Divagazioni " utilizzando numerosi dipinti di Minale.

2015 - Realizza una serie di dipinti su carta che verranno utilizzati dalla scrittrice di fiabe Rita Cerimele di Torino , per una raccolta dal titolo " La Ragazza Con La valigia Rossa " per conto della Etica di Torino.

2015 - In onore della XXV edizione della Passione di Cristo organizzata dalla Associazione Culturale Ate Tixe Studium , svoltasi ad Atessa nel Marzo 2016 , realizza un dipinto del Cristo Crocefisso che servirà per l'immagine e la riproduzione dei max manifesti e cataloghi illustrati della manifestazione.

2016 - Silvana Costa, utilizzerà una serie di dipinti dove la poetessa riesce ad entrare e ne descrive le stesse emozioni dell'artista nell'atto dell'esecuzione , realizzando il volume per la silloge " Liriche Visioni - Quando le Immagini toccano il cuore la pittura diventa poesia "

2016 - Con atto notarile , dona al comune di Atessa 105

dipinti di grafica che ritraggono scorci e paesaggi di Atessa , che vengono esposti in permanenza presso il Foyer dell'Auditorium Italia alla pinacoteca comunale a lui intestata.

Pittore e disegnatore ha tenuto 120 mostre nelle principali città italiane ed ha esposto in manifestazioni artistiche sia in Italia che all’estero.

2015 - Realizza il il volume " La pittura di un Uomo Comune "

2016 - Pubblica il volume " Atessa in Bianco e Nero "

2016 - Il Comune di Atessa pubblica " Atessa , La Grafica nella Pinacoteca Gaetano Minale "

2017 - Pubblica il volume " Donna e natura nella pittura di Gaetano Minale " .

È citato nelle principali pubblicazioni d’arte contemporanea e, per la sua personalità artistica è stato chiamato a far parte dell’Accademia San Marco, dell’Accademia dei “500”, dell’Accademia d’arte Moderna di Roma, dell’Accademia Tiberina e della Legion d’Oro. È membro effettivo dell’Unione mondiale della Cultura e, la sua scheda Biblio-Biografica è depositata all’archivio storico per l’arte italiana del novecento al Kunsthistoriches Institut in Florenz di Firenze e nell’archivio storico dei pittori e scultori italiani del novecento della Casa Editrice Il Quadrato di Milano.
Della sua opera pittorica ne ha parlato la stampa nazionale ed internazionale, radio, televisione; sue opere figurano in collezioni private ed Enti pubblici sia in Italia che all’estero.
Critici interessati alla sua Arte: Giuseppe Martucci, Katia D’Annunzio, Stefano Tenedini, Maria Carla Morbiducci, Vito Calogero, Mario Lanci, M. Milet, Gerardo Vittoria, Silvia Ramini, Bernard Gauthron, Ennio Bramato, Marina Marzoli, Nicola Scalisi, Renato Lamperini, Giorgio Carpaneto, Rossano Borzillo, Ennio Moro, Roberto Mangione, Guido Massarelli, Alex Capus, Fernando Sofra, Valerio Utri, Nello Punzo, Diego Castronovo, Giuseppe Rancitelli, Duilio Fornarola, Giuseppe Masci, Claudio Cattani, Angela Verardo,
Nunzio Livrieri, Maria Delli Quadri, Giorgio Falossi, Lucia Di Cintio, Enzo Carmine Delli Quadri ed altri.

​

Principali Mostre Personali e Collettive​

1975 Galleria d’Arte Gelmi – Sesto San Giovanni (MI)
1976 Galleria La Stadera – Sulmona (AQ)
1976 Sala Beato Angelico – Roma
1976 Galleria Il Pavone – Milano
1976 Galleria Lo Scacco – Giulianova
1976 Galleria Michelangelo – Firenze
1976 Galleria Sala Maschio Angioino – Napoli
1976 Galleria Città Eterna – Roma
1976 Galleria Alba – Ferrara
1977 Galleria Casabella – Santa Margherita Ligure (GE)
1977 Mostra Itinerante – Madrid (Spagna)
1978 Mostra Itinerante – New York (USA)
1978 Bottega d’Arte – Chieti
1978 Galleria 46 – Lanciano (CH)
1978 Galleria Tiberina – Roma
1978 Galleria Hotel Spiaggia – Alassio (SV)
1979 Club degli Artisti – Foggia
1979 Place Baudoyer – Parigi (Francia)
1980 Palazzo dei Nobili – L’Aquila
1980 Galleria Segno Grafico – Venezia
1980 Salone Esposizione – Salsomaggiore (PR)
1981 Galleria Colonnello – Sant Vincent (AO)
1981 Villa Olmo – Como
1981 Galleria Martinez – Cannes (Francia)
1982 Sala Scuola Media – Pratola Peligna (AQ)
1983 Palazzo Esposizione – Salsomaggiore (PR)
1983 Salone Basilica San Giovanni in Laterano – Roma
1983 Palazzo Esposizione – Empoli (FI)
1984 Palazzo Reale – Milano
1984 International Hall – Los Angeles (USA)
1985 Sala Consiliare – Villa Santa Maria (CH)
1985 Galleria Chou-Ku – Tokyo (Giappone)
1987 Galleria La Sonda – L’Aquila
1990 Camera di Commercio – Chieti
1991 Galleria L’Astoria Karolyl – Budapest (Ungheria)
1993 Galleria La Defense – Parigi (Francia)
1996 Sala Pera Palas – Istanbul (Turchia)
1997 Auditorium Diocleziano – Lanciano (CH)
1998 Sala San Gaetano – Atessa (CH)
1999 Galleria Centro Arte – Bologna
1999 Galleria Ambassadors – Londra (Inghilterra)
2001 Sala Consiliare – Atessa (CH)
2002 Sala Museo Palazzo D’Avalos – Vasto (CH)
2008 Galleria Museo Palazzo Mayer – Fossacesia (CH)
2009 Sala ex Distretto Sanitario – Atessa (CH)
2012 Parco Archeologico Monte Pallano – Tornareccio (CH) 2015 Fondaco dei domenicani – Atessa (CH)

​

PREMI E RICONOSCIMENTI

1976 Premio “Federico Faruffini” (secondo premio) – Sesto San Giovanni (MI)
1977 Premio “Giacinto Gigante” (terzo premio) – Napoli
1977 Premio C. R. E. (primo premio) – Chieti
1978 Premio Dea Minerva (primo premio) – Lecce
1978 Assegnazione Premio Parlamento Europeo – Roma
1978 Quadriennale di Napoli (terzo premio) – Napoli
1978 Assegnazione Leon d’Oro – Firenze
1978 Premio “Villa Alessandra” (primo premio grafica) – Alanno (PE)
1979 Premio Pratola (primo premio grafica) – Pratola Peligna (AQ)
1980 Assegnazione Premio MID TIMES – Roma
1981 Assegnazione Premio CULTURA FIDES – Città del Vaticano
1982 Premio Emigrazione (secondo premio) – Pratola Peligna (AQ)
1983 Assegnazione Premio “Cesare d’Oro” – Verona
1985 TSUKUBA EXPO (segnalato) – Tokyo (Giappone)
1987 Premio “Maestri del Colore” (primo premio) – Fidenza (PR)
1988 Premio “Una Vita per L’Arte” (primo premio) – Milano
1990 Centenaire de la Tour Eiffel (premio Commissione) – Parigi (Francia)
1991 Premio “Maestri Famosi” (primo premio) – Viareggio (LU)
1993 Assegnazione Premio “Le Grand Arc” de la Defense – Parigi (Francia)
1996 Assegnazione Gran Premio Bisanzio – Istanbul (Turchia)
1997 Assegnazione l’Oscar della Professionalità dell’Arte – Latina
1998 Assegnazione Trofeo Città di Padova – Padova
1999 Assegnazione Premio alla Carriera – Ferrara
2000 Assegnazione Premio London 2000 – Londra (Inghilterra)
2014 Assegnazione Premio “Squacciafìchere D.O.P.” – Atessa (CH)
2014 “Artista Per la Pace” Colori e musica per i Diritti Umani – Brindisi

​

Bibliografia essenziale

1976 – 77 – 78 – 79 Catalogo Nazionale il Quadrato – Milano
1976 Catalogo Nazionale Gelmi – Sesto San Giovanni (MI)
1977 – 78 – 79 Annuario Comanducci – Milano
1977 Guida all’Arte Italiana – Ancona
1977 La nuova Ribalta Artistica – Piacenza
1978 Arte Base – Torino
1979 Notiziario Accademia – Roma
1980 – 82 Catalogo Nazionale Bolaffi – Torino
1982 Praxis Artistica – Rimini
1984 – 1985 Annuario Comed – Milano
1984 Il Libro d’Oro dell’Arte Contemporanea – Milano
1984 Vademecum dell’Arte – Firenze
1989 – 90 – 95 L’Elite Selezione Arte Italiana – Varese
1997 – 2000 Dizionario Alba – Ferrara
1994 – 97 – 99 TOP ART – Ancona
2005 Pittori e Scultori del Novecento – Castellammare di Stabia (NA)
2009 Arte Selezione Int.le l’Elite NEW – Varese
2010 Censimento Artisti Italiani – Palermo
2011 Speciale Artisti dell’UNICEF – Palermo
2012 L’Elite Selezione Arte ed. Artitalia – Varese

​

​
Nome Artista



Tua Biografia

Nome Artista



Tua Biografia

Nome Artista



Tua Biografia

Nome Artista



Tua Biografia



Data Inserimento: Sat, Jan 5, 2019 - 13:54:35

Artista N°: 117

Nome: GAETANO MINALE

SPONSOR

Località: CHIETI
Gaetano Minale pittore impressionista italiano (Agnone 4 Luglio 1038) risiede ad Atessa. La sua formazione artistica è avvenuta presso l'atelier del maestro pittore e restauratore Gennaro Bravo ad Atessa dal 1069 al 1975. Ha effettuato oltre 120 mostre sia in Italia che all'estero.


Data Inserimento: Wed, Jul 4, 2018 - 23:08:02

Artista N°: 116

Nome: cesare morali

SPONSOR

Località: BERGAMO
Antonio Bui
Una personalità di particolare rilievo tra gli artisti bergamaschi della seconda metà del Novecento è quella di Antonio Bui che con grande impegno si è dedicato a una laboriosa ricerca individuale affrontando, con attitudine non comune, la pittura e la scultura. Nato a Martinengo il 17 agosto 1930 da Giulio e da Agata Seghezzi, nel 1947 Antonio Bui si iscrive alla Scuola di Pittura dell’Accademia Carrara diretta da Achille Funi. Prosegue poi gli studi sotto la guida di Trento Longaretti e consegue il diploma nel 1955. Bui si avvale di un linguaggio espressivo che gli permette di rivelare i suoi stati d’animo, le sue emozioni quotidiane, le sue inquietudini di uomo e di artista, con uno stile originale e personale frutto della sua ricerca autonoma. In una simbologia di immagini oniriche, Bui raffigura visioni di un mondo fantastico basate su di una realtà poetica soggettiva. In diretta connessione con le tensioni interiori dell’autore, nelle sue composizioni scorre una rappresentazione allegorica dell’umanità sofferente, angosciata dalle incognite della vita, alla ricerca di un punto d’appoggio che la rinfranchi, di un’esistenza nuova che la riscatti. In questo scenario si sviluppa il discorso artistico con il quale Antonio Bui concepisce un consistente numero di opere nelle quali si alternano e si fondono “forma e poesia, immagine e simbolo plastico”. Sottili risonanze delle formulazioni provenienti dalle numerose correnti e tendenze del Novecento sono ben compendiate nella concezione artistica entro la quale il pittore impegna il talento, il gusto e la sensibilità di cui è dotato. Bui non si pone il problema di soddisfare le tradizionali preferenze del pubblico, del quale intende stimolare la libera interpretazione. Uomo affabile ma riservato e di poche parole, ama pensare che l’artista debba instaurare un’autentica comunicazione con il fruitore attraverso la sua opera. Il disegno di Antonio Bui è incisivo. Nella sua ricca tavolozza i colori sono materici ed espressivi. A volte definisce il soggetto rappresentato con cromatismi ridotti all’essenziale e con contrasti netti. Per realizzare i suoi dipinti usa gli oli, gli inchiostri colorati, le tempere, i colori acrilici, il carboncino, le chine.
Fin dagli anni Settanta Antonio Bui produce opere di scultura con spiccata abilità nel plasmare le forme.
I materiali usati per le sculture sono il legno, il bronzo con il procedimento della fusione a cera persa, la pietra e la terracotta. Scultore per vocazione, Bui realizza le varie composizioni plastiche dopo un serio lavoro preparatorio basato su molti disegni e studi. Le sculture a tutto tondo ampliano il messaggio contenuto nei dipinti perché più definite e più sostanziali. In esse l’artista riesce a infondere, con maggior efficacia e forza espressiva, il suo temperamento artistico già riversato, in maniera suggestiva, nei lavori di pittura. Le sue eleganti composizioni, dalle quali emergono tra l’altro piacevoli immagini femminili, come annota L. G. Volino, esprimono “la delicatezza dell’immagine, il candore di una liricità nella trasparenza di una significazione interiore poetica e umana”. Dopo varie partecipazioni a mostre collettive, nel 1961 Antonio Bui inizia la serie delle esposizioni personali. Con assiduità presenta la sua produzione artistica alla Galleria “La Garitta” del Circolo Artistico Bergamasco e alla Galleria “ La Torre”. Altre esposizioni personali sono allestite in città alla Galleria D’Arte Bergamo, all’Araldo, alla Alexia, alla Galleria Torquato Tasso, alla “Fontana del Delfino” e alla Galleria Fumagalli. Sue mostre sono state allestite anche in numerosi centri della Lombardia e a Bologna. Molti sono gli allievi che frequentano il suo studio. Bui, con grande umanità, insegna le tecniche, gli stili, l’evoluzione dei linguaggi artistici e aiuta i giovani a conoscere i frutti della loro creatività e a sviluppare una capacità critica nei confronti del proprio lavoro. Antonio Bui muore improvvisamente a Bergamo il 1° maggio 1996. La produzione di questo artista dotato e autentico, che per tanti anni ha operato nel campo dell’arte con grande impegno e coerenza stilistica, nel ventennale della scomparsa meriterebbe di essere rivisitata, con un’esposizione antologica che ne ripercorra i suoi racconti fantasiosi e sensibili, ricchi di umanità e di poesia.
Cesare Morali
Reale e immaginario, carboncino su carta, cm.100 x 75




Data Inserimento: Wed, Nov 8, 2017 - 23:31:42

Artista N°: 115

Nome: paolo tagliaferro

SPONSOR

Località: Italy
Paolo Tagliaferro nasce il 25 settembre 1981 a Lonigo, in provincia di Vicenza. Fin da piccolo appassionato di pittura, anche grazie agli insegnamenti del padre Luigi, inizia il suo percorso artistico eseguendo copie d’autore, principalmente di Caravaggio ma anche di altri pittori del XVII secolo. Frequenta il Liceo Artistico “A. Martini” a Vicenza, per poi conseguire la laurea in pittura presso l’Accademia di Belle Arti “G.B. Cignaroli” a Verona, nel 2007. Durante gli studi all’accademia, si avvicina all’iperrealismo (corrente pittorica nata negli Stati Uniti negli anni ’70 del secolo scorso). Le prime sperimentazioni di Paolo riguardano il genere della natura morta, per poi allargarsi ai ritratti, ritratti di animali, proponendo anche nature morte con giocattoli moderni e non. Dopo gli inizi, con la partecipazione a concorsi di pittura e mostre nel vicentino, grazie anche all’apprezzamento di critici e galleristi arriva ad esporre alla 54ma edizione della Biennale di Venezia nel 2012, e a collaborare con gallerie d’arte in Italia e all’estero. Dal 2013 arricchisce la sua esperienza artistica e culturale con l’insegnamento della pittura iperrealista presso lo studio di Lonigo, per poi scrivere nel 2014 un dettagliato manuale tecnico sulla pittura iperrealista.

16-24 settembre 2017
Mostra collettiva “Secondo Festival dell'Arte Figurativa, dell' IPERREALISMO e del Ritratto, ovvero il ritorno della tecnica”, Civitavecchia. Sono stato premiato tra i primi 5 finalisti al concorso dedicato alla sezione iperrealismo.
Associazione culturale, il Piacere dell Arte.
Cittadella della Musica, Foyer “Ennio Morricone” e ex chiesa di San Giovanni di Dio
Evento promosso da: Fondazione cassa di risparmio di Civitavecchia.
Curatore: Giancarlo de Gennaro

L artista è stato invitato alla Bottega d Arte Artemisia di Taranto per tenere un Workshop di Pittura Iperrealista dal 29-31 luglio 2017

24 giugno – 23 luglio 2017
mostra collettiva “Genio e Bellezza controcorrente”. Grandi maestri del Novecento e oltre.
Comune di Mercatello sul Metauro.
Curatore Gilberto Grilli

23 novembre – 2 Dicembre 2016
mostra collettiva “Watermark”
Venezia, Parrocchia di San Nicola da Tolentini Schola dei Laneri, Santa Croce 113/A
a cura di Gaia Romano con la critica di Luca Cantore D’Amore
direzione artistica e coordinamento Eva Amos

14 novembre – 14 dicembre 2016
Mostra collettiva “tra Iperrealismo e Realtà”
Milano, galleria d’ arte Arte Milano Incontri
Curatore Giorgio Grasso

27 Aprile – 15Maggio 2016
Mostra collettiva “In arte Veritas”
Fano, Chiesa di San Michele
Curatore Gilberto Grilli.



Febbraio 2015 – Aprile 2016
Partecipazione alle seguenti mostre collettive, tenutesi presso: Artheerenveenart Art Gallery, città Heerenveen, Olanda (curatore: Francesco Basile).
Il segno della memoria – la memoria nel segno (16-30 Aprile)
Archeologie van de communicatie aan het beeld van zijn dubbelrol 25 novembre – 10 dicembre
Visionar (3-20 novembre)
Kleuren van de herfst 27 Settembre-10 Ottobre 2015
Il destino, la linea immaginaria della vita dal 24.03.2015 al 07.04.2015
Strutture-divisioni: la visione delle strutture dal 18.03.2015 al 31.03.2015
Oltre la linea gialla Dal 12 febbraio al 14 marzo

27 Febbraio – 6 Marzo 2016
Rassegna d’arte nella memoria del Beato Angelico (mostra collettiva)
Palazzo delle Opere Sociali della Diocesi di Vicenza, piazza Duomo.
Organizzatore: UCAI (Unione Cattolica Artisti Italiani).




3-31 Ottobre 2015
Mostra collettiva Bellezza, cura per l’anima
Palazzo Ubaldini, Apecchio.
Curatore: Gilberto Grilli.

Agosto – Ottobre 2015
Mostra itinerante collettiva
Grand Tour Internazionale dell'arte in Russia
18-30 Agosto: San Pietroburgo, Galleria Centrale dell'Unione San Pietroburgo degli artisti
6-18 Settembre: Volgograd, Museum of fine Arts named after II Mashkov
22 Setttembre – 5 Ottobre: Mosca, Central House of Artists
14-28 Ottobre: Krasnodar, Regional Showroom of fine Arts
Curatore: Olga Okuneva, fondatrice dell’Associazione internazionale dell’arte, Spoleto.

Gennaio 2012 – Aprile 2014
Partecipazione alle seguenti mostre collettive, tenutesi presso: Galerie Unique, Torino.
Curatore: Patrick Caputo.
Arte figurativa, ieri, oggi, domani 15 marzo - 5 aprile 2014
AL.TA.BU, L’assoluta eccellenza dell’arte pittorica figurativa 21 giugno al 19 luglio 2013
(opere di Lorenzo Alessandri, Paolo Tagliaferro e Saturno Buttò)
Estarte 15 giugno 6 luglio 2012
Realismo Radicale14 gennaio al 10 febbraio 2012. Opere di: Giuseppe Mallia, Francesco Stile, Paolo Tagliaferro


30 novembre -15 dicembre 2013
Diamanti (mostra collettiva: opere di Annigoni, Piacesi, Schifano, Tagliaferro…)
Spazio Exhibition Art, Arco di Augusto, Fano (Pesaro e Urbino).
Curatore: Gilberto Grilli.

21 Settembre – 27 Ottobre 2013
Viaggio al centro dell’arte (mostra collettiva)
Galleria d’arte Donato Bramante, Fermignano (Pesaro e Urbino).
Curatore: Gilberto Grilli.

20 Luglio – 4 Agosto 2012
Mostra collettiva Locus Animae
Laguna Shopping, Jesolo.
Curatore: Stefano Momenté.

11 Luglio – 5 Settembre 2012
Mostra collettiva Art Quake
Chiostri di S. Domenico, Reggio Emilia.
Curatore: Zonta Club Reggio Emilia, con Alberto Agazzani.

Dicembre 2011 – Gennaio 2012
Biennale di Venezia, 54ma edizione – Padiglione Italia, Torino. “L’arte non è cosa nostra” (mostra collettiva)
Palazzo delle Esposizioni “Sala Nervi”, Torino.
Curatore: Vittorio Sgarbi.

2011
Vietato l’accesso. L’altra biennale (mostra collettiva)
Rocca Roveresca, Senigallia.
Curatore: Gilberto Grilli.

12 Dicembre 2009 – 18 Gennaio 2010
Altre contemplazioni (mostra collettiva)
Curatore: Alberto Agazzani, Galleria Libra Arte Contemporanea, Catania.

12 Settembre – 4 Ottobre 2009
Dentro (opere di: Andrea Boyer, David De Biasio, Marica Fasoli, Paolo Tagliaferro, Michele Taricco, Luciano Ventrone)
Galleria Gagliardi, San Gimignano (Siena).
Curatore: Alberto Agazzani.



5 Agosto – 6 Settembre 2009
Contemplazioni. Bellezza e tradizione del nuovo nella pittura italiana contemporanea ( tra gli artisti piu noti: Luciano Ventrone, Agostino Arrivabene, roberto ferri, paul beel, omar galliani, luigi benedicenti, andrea boyer, ana kapor, gonzalo orquin, salvatore mammoliti, alessandro papetti, marco petrus, marzio tamer, paolo tagliaferro
Castel Sismondo e Palazzo del Podestà, Rimini.
Curatore: Alberto Agazzani.

Febbraio – Maggio 2009
Partecipazione alle seguenti mostre collettive tenutesi presso Galleria Infantellina Contemporary, Berlino.

I’m blue 19 aufstrebende italienische Talenten 3/4/2009 al 4/5/2009
Eroeffnung der Ausstellung “Look at me”13 febbraio al 12 marzo
Verlägerung der Ausstellung "Italian do it 2" 23 gennaio 2009- 10 febbraio 2009


15-18 Luglio 2006
Rassegna di pittori Veneti
Villa Sangiantofetti Rigon, Ponte di Barbarano Vicentino (Vicenza).
Curatore: Renzo Zoia.

2000
Pittori leoniceni (mostra collettiva)
Galleria del Teatro comunale di Lonigo (Vicenza).
Curatore: proloco di Lonigo, ma non c'era una persona

2000
Io futurista dipingo la velocità (mostra collettiva)
Basilica Palladiana, Vicenza.
Curatore: Liceo Artistico statale (non hai un nome di persona da indicare?) credo qualche insegnante ma non ricordo.
Era la mostra di fine anno organizzata dalla scuola senza un vero curatore. Probabilmente uno dei miei insegnanti si era occupato di organizzarla (forse l insegnante di disegno ceresa ivana, ma non ricordo bene)


FIERE D’ARTE

26-28 Febbraio 2016
Oxford International Art Fair
Oxford Town Hall, England.
Gallerista: Francesco Basile – Artheerenveenart Art Gallery, Heerenveen, Olanda.

Agosto 2015
Amsterdam International Art Fair
Located Beurs van Berlage- Amsterdam.
Gallerista: Francesco Basile – Artheerenveenart Art Gallery, Heerenveen, Olanda.

2014
ART Innsbruck
Gallerista: Patrick Caputo, Galerie Unique, Torino.

2008
Bergamo Arte Fiera
Gallerista: Matteo Vanzan, Galleria Artesgarro, Lonigo.

2006
Padova Arte Fiera
Galleria Alba Gallery, Ferrara.
Curatore: Roberto Puviani.



2003- 2010
in Entrambi le due edizioni sono stato finalista tra i primi 30 classificati alla mostra-concorso
Premio Arte Mondadori 2003 (dipinto: limoni al sole )
Premio Arte Mondadori 2010 (dipinto: Come giocavamo).
Milano Palazzo Museo della Permanente, Via Turati.

2004
Segnalazione di merito: concorso nazionale di pittura contemporanea Premio Agazzi, Mapello (Bergamo).

2002 e 2008
Primo premio: concorso per la realizzazione della cartolina della Fiera di Lonigo.
Galleria di Palazzo Pisani, Lonigo (Vicenza).

COLLABORAZIONI

2011
Realizzazione della locandina del film “Le stelle inquiete” di Emanuela Piovano (2011), in collaborazione con la casa cinematografica Kitchen Film, Roma.

LABORATORI E APPROFONDIMENTI
NOVEMBRE 2017
WORKSHOP DI PITTURA IPERREALISTA A ROMA DAL 30 NOVEMBRE AL 3 DICEMBRE 2017
ottobre 2017
intervista alla trasmissione televisiva 14 ottobre 2017
l artista organizza un workshop di pittura iperrealista sul ritratto e natura morta a mondello in sicilia dal 26 al 31 ottobre 2017
Settembre 2017
l artista organizza un workshop di pittura iperrealista sul ritratto a capalbio dal 2 al 9 settembre 2017
luglio 2017
L artista è stato invitato alla Bottega d Arte Artemisia di Taranto per tenere un Workshop di Pittura Iperrealista dal 29-31 luglio 2017

DICEMBRE 2016
breve Esperienza nel Liceo artistico statale di Lovere (bergamo) a contatto con i docenti e studenti per discutere dello studio e pratica e importanza della pittura ai giorni nostri.

Luglio 2005
Meeting internazionale di pittura contemporanea, Ostròda, Polonia.
Le opere realizzate durante il soggiorno sono state esposte alla mostra organizzata presso il castello di Ostròda.

Marzo 2006
incontro pratico di esperienza di disegno con i bambini di varie scuole elementari di Rovereto al museo del Mart (Trento) dopo la loro visita alla mostra di pittura sulla montagna. Ogni bambino doveva rappresentare il paesaggio di montagna a modo suo dopo aver visitato la mostra. Io ho seguito e stimolato la loro creatività durante queste ore dentro l aula didattica del museo del Mart.






Data Inserimento: Fri, Apr 28, 2017 - 14:59:08

Artista N°: 114

Nome: Maurizio Chevrier

SPONSOR

Località: LIVORNO
Ferdinando Chevrier




Ferdinando Chevrier nasce a Livorno il 6 gennaio del 1920. Comincia ad interessarsi alla pittura fra il 1934 e il 1936 frequentando lo studio del pittore post-macchiaiolo Renuc¬cio Renucci. Dopo la pausa della guerra, che lo vede impegnato sul fronte greco-albane¬se, nel 1946 Chevrier torna a dipingere e si iscrive alla scuola d'Arte "Amedeo Modiglia¬ni" diretta da Voltolino Fontani. Il suo esordio pubblico risale al 1948, quando espone le sue prime opere di chiara ispira¬zione neocubista in due mostre collettive a Bottega d'Arte di Livorno. AI passaggio del nuovo decennio, Chevrier abbandona la figurazione per abbracciare un tipo di astrazio¬ne geometrica caratterizzata da un marcato senso del movimento dato dal rapporto fra la forma in superficie e il fondo che l'accoglie.
Nel 1950 Chevrier entra a far parte del M.A.C. (Movimento Arte Concreta) seguendo di poco il pisano Gianni Bertini ed il pistoiese Mario Nigro, I sei anni di militanza nel M.A.C. riservano a Chevrier molte importanti occasioni espositive, Nel febbraio del 1950 espo¬ne, presentato in catalogo da Gillo Dorfles, alla libreria Vallerini di Pisa, Nel 1951 parteci¬pa alla mostra “Arte Astratta e Concreta in Italia” alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma e a due collettive del M.A.C. una a Milano e una a Torre Pellice; invia le sue opere al "Premio Golfo della Spezia" e alla "VI Quadriennale d'Arte" di Roma. AI 1951 risale inol¬tre una importante mostra personale, allestita alla libreria Salto di Milano, sede storica del M.A.C.
È significativo per Chevrier, in questo periodo, l'incontro con il mercante Bruno Giraldi. La mostra antologica che il pittore allestisce nel marzo del 1952 nelle sale della galleria Giraldi a Livorno, segna infatti l'inizio di una felice e quasi trentennale collaborazione fra i due. Dal 1955-'56, sciolti i legami con il M.A.C. Chevrier indirizza le sue ricerche pittoriche verso la poetica, allora molto diffusa in tutta Europa, dell’ “Informale”; concentrandosi sull’espressività del gesto e della materia.
Per tutti gli anni Sessanta e Settanta, Chevrier è presente in molte rilevanti mostre in Italia e all'estero. Espone all’Arte actual por el movimento artistico del Mediterraneo (Malaga-Siviglia-Barcellona-Valencia-Madrid). Espone alla rassegna della pittura italiana a Bat Yam nel 1961; tiene tre mostre personali in gallerie pubbliche e private del Lussemburgo (nel 1963, nel 1965 e nel 1969), e di Parigi (nel 1965). Nello stesso periodo partecipa a prestigiosi premi (al "Pre¬mio Modigliani - Città di Livorno” nel 1957 e nel 1958; al "Premio del Fiorino" a Firenze nel 1966;……).
Nell'aprile del 1960 fonda il circolo ricreativo “la Strega" insieme ai concittadini Jean Mario Berti ed Elio Marchegiani, con i quali, già l'anno prima, aveva dato vita ad un soda¬lizio artistico, battezzato dalla critica "i tre dell'astrattismo”.
Nel 1974 Chevrier si trasferisce a Milano e vi rimarrà fino al 2004.
Fra il 1980 e il 1990, quando il suo linguaggio artistico ha raggiunto ormai la piena auto¬nomia, Chevrier tiene molte esposizioni collettive e personali, tra le quali tre antologiche, a Como, a Gallarate e a Milano. Nel 2002-2003 il comune di Livorno gli dedica una importante esposizione antologica intitolata “Vivere l’immaginario”. La sua produzione artistica all’insegna di un “informale segnico” con connotazioni futuriste ed organiche (la velocità ed il movimento nelle sue composizioni sia geometriche che informali) caratterizza la sua singolare produzione artistica.
Muore il 31 luglio 2005 nella sua casa di Livorno.


PAGINA PRECEDENTE   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   PAGINA SUCCESSIVA
(Totale Artisti: 95)