Eventi e mostre pittura - PITTart.com

  Scrivi la tua mostra o il tuo evento d'arte           
Home PageHome   Annunci di ricerca per preparare nuovi eventi d'arteAnnunci Arte   Biografie Artisti Pittori - Scrivi e pubblica da solo la tua biografiaBiografie Artisti   Pittura e artisti pittori - Per pubblicare gratis le tue opere e la tua biografiaPittura e artisti pittori in mostra
Scrivi i tuoi commenti sull'evoluzione del concetto di arteCommentArte   Recensioni d'arteRecensioni  d'Arte  Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte  

EVENTI E MOSTRE PITTURA - SPAZIO INTERATTIVO

ATTENZIONE
Questo spazio sarà a breve chiuso. Abbiamo tuttavia appena aperto la sezione EVENTI E MOSTRE DI PITTURA su Facebook dove sei invitato a postare il tuo evento.


Data Inserimento: Tue, May 8, 2018 - 14:15:27

Evento N°: 2559

Nome: Elena Miatto

SPONSOR

Località: VENEZIA
CALL FOR SUBMISSIONS.
DEADLINE: May 10, 2018.
SURFACES FESTIVAL - BODIES. At Ca' Zanardi ant The ROOM contemporary art space, Venice. (from May 26 to July 12, 2018)
ITS LIQUID International Art and Architecture Festival.

BODIES is the first appointment of SURFACES FESTIVAL (May 26 - November 25) which will be organized in Venice at THE ROOM Contemporary Art Space and Ca' Zanardi. The festival focuses on the concept of Surfaces, analyzing the bound between human and urban spaces, the human identity and the city.
The festival will give the opportunity to artists, architects and designers to share their works and their experiences during the months of the exhibition.

All selected works of architecture, photography, painting, video art, installation/sculpture and performance art will be presented during the whole festival in Venice.

For more information or to take part in the selection send an e-mail to lucacurci@lucacurci.com


Data Inserimento: Sun, May 6, 2018 - 21:13:51

Evento N°: 2558

Nome: Giorgio Barassi

SPONSOR

Località: FOGGIA
Galleria ESS&ERRE
Lungomare Duca degli Abruzzi c/o Porto Turistico di Roma locale 876
00121 Roma tel 329.4681684


CalifArte
Gli artisti dipingono le canzoni di Franco Califano


Si inaugura il prossimo 19 maggio alla galleria Ess&Erre la mostra CalifArte, dedicata alla figura di Franco Califano, cantautore e poeta. L’ideatore dell’evento è Giorgio Barassi, consulente d’arte,presentatore ed orgnizzatore di eventi d'arte. nel numero di 16, pittori di diversa estrazione, espressione e impegno artistico, uniti dall’ intento di dipingere delle opere ad hoc sulla traccia dei testi di alcune canzoni scritte da Califano, espongono le loro opere nella galleria sul Porto. Due dipinti per ciascun artista, che saranno esposti per una settimana ma rimarranno a disposizione della galleria e dei visitatori e collezionisti durante il periodo estivo, ricco di eventi d’arte organizzarti dal manager Roberto Sparaci.
CalifArte è una prova di vicinanza tra le Arti, quella della scrittura per la musica e quella della pittura, che vede impegnati artisti del calibro di Lodola, Dall’Olio, Gallingani, Sansavini, Montuschi, Greco ed altri nell’ impegno di interpretare con l’ arte del dipingere i successi più noti e le canzoni meno conosciute del Califfo, cioè l’ autore di “Minuetto”, “La musica è finita”, “E la chiamano estate”, “Tutto il resto è noia” e molti altri lavori rimasti indelebili nel ricordo dei fans e non solo. Califano, scomparso nel 2013, ha lasciato un patrimonio di scrittura abbondante e ricco di sfumature che variano dal tema preponderante dell’ amore e delle sue più diverse sfaccettature, a temi sociali scottanti. Il suo impegno e la sua schiettezza espressiva, pagata sempre sulla propria pelle, ha fatto di Califano un autore atipico ma estremamente sensibile, romantico e malinconico. Tutti dati che bene si incrociano con i principi della creatività nella pittura, laddove il contesto circostante ha determinato sempre le scelte creative dei grandi artisti. E per quanto ogni pittore si esprima con la propria arte, l’universalità del tema affrontato è la base da cui si dipana l’operazione artistica.
CalifArte ha come obiettivo quello di girare per l’Italia, magari sulle piste dei luoghi amati da Califano, tra i quali va messo al primo posto, a pieno titolo, la sua Roma. L’ iniziativa è vista con favore dalla Fondazione Califano Trust Onlus, attiva subito dopo la scomparsa del califfo nel 2013. Alcuni rappresentanti della Fondazione e il nutrito stuolo di fans del Maestro assicurano la loro presenza. Si inizia alle 17.00 con la presentazione delle opere, per rimanere in riva al bel porto fin oltre il tramonto, con l’intervento musicale del gruppo “ Grazie Califfo!” e la presenza di alcuni dei pittori partecipanti all’iniziativa. Da Roma e dal suo antico sbocco sul mare parte l’ avventura nazionale di CalifArte, che Sparaci e il direttore artistico Sabrina Tomei, insieme a Barassi intendono far viaggiare come in una tournée che porti la bella pittura italiana e gli echi della musica e delle parole di Califano a dare una ventata di aria rinnovata nel complesso panorama dell’ arte contemporanea.

19 maggio 2018 dalle ore 17.00, Porto Turistico di Roma.
Catalogo in galleria ( testi di G.Barassi, S.Tomei, R.Sparaci ) Acca Edizioni Roma.




Data Inserimento: Sun, May 6, 2018 - 21:13:31

Evento N°: 2557

Nome: Giorgio Barassi

SPONSOR

Località: FOGGIA
Galleria ESS&ERRE
Lungomare Duca degli Abruzzi c/o Porto Turistico di Roma locale 876
00121 Roma tel 329.4681684


CalifArte
Gli artisti dipingono le canzoni di Franco Califano


Si inaugura il prossimo 19 maggio alla galleria Ess&Erre la mostra CalifArte, dedicata alla figura di Franco Califano, cantautore e poeta. L’ideatore dell’evento è Giorgio Barassi, consulente d’arte,presentatore ed orgnizzatore di eventi d'arte. nel numero di 16, pittori di diversa estrazione, espressione e impegno artistico, uniti dall’ intento di dipingere delle opere ad hoc sulla traccia dei testi di alcune canzoni scritte da Califano, espongono le loro opere nella galleria sul Porto. Due dipinti per ciascun artista, che saranno esposti per una settimana ma rimarranno a disposizione della galleria e dei visitatori e collezionisti durante il periodo estivo, ricco di eventi d’arte organizzarti dal manager Roberto Sparaci.
CalifArte è una prova di vicinanza tra le Arti, quella della scrittura per la musica e quella della pittura, che vede impegnati artisti del calibro di Lodola, Dall’Olio, Gallingani, Sansavini, Montuschi, Greco ed altri nell’ impegno di interpretare con l’ arte del dipingere i successi più noti e le canzoni meno conosciute del Califfo, cioè l’ autore di “Minuetto”, “La musica è finita”, “E la chiamano estate”, “Tutto il resto è noia” e molti altri lavori rimasti indelebili nel ricordo dei fans e non solo. Califano, scomparso nel 2013, ha lasciato un patrimonio di scrittura abbondante e ricco di sfumature che variano dal tema preponderante dell’ amore e delle sue più diverse sfaccettature, a temi sociali scottanti. Il suo impegno e la sua schiettezza espressiva, pagata sempre sulla propria pelle, ha fatto di Califano un autore atipico ma estremamente sensibile, romantico e malinconico. Tutti dati che bene si incrociano con i principi della creatività nella pittura, laddove il contesto circostante ha determinato sempre le scelte creative dei grandi artisti. E per quanto ogni pittore si esprima con la propria arte, l’universalità del tema affrontato è la base da cui si dipana l’operazione artistica.
CalifArte ha come obiettivo quello di girare per l’Italia, magari sulle piste dei luoghi amati da Califano, tra i quali va messo al primo posto, a pieno titolo, la sua Roma. L’ iniziativa è vista con favore dalla Fondazione Califano Trust Onlus, attiva subito dopo la scomparsa del califfo nel 2013. Alcuni rappresentanti della Fondazione e il nutrito stuolo di fans del Maestro assicurano la loro presenza. Si inizia alle 17.00 con la presentazione delle opere, per rimanere in riva al bel porto fin oltre il tramonto, con l’intervento musicale del gruppo “ Grazie Califfo!” e la presenza di alcuni dei pittori partecipanti all’iniziativa. Da Roma e dal suo antico sbocco sul mare parte l’ avventura nazionale di CalifArte, che Sparaci e il direttore artistico Sabrina Tomei, insieme a Barassi intendono far viaggiare come in una tournée che porti la bella pittura italiana e gli echi della musica e delle parole di Califano a dare una ventata di aria rinnovata nel complesso panorama dell’ arte contemporanea.

19 maggio 2018 dalle ore 17.00, Porto Turistico di Roma.
Catalogo in galleria ( testi di G.Barassi, S.Tomei, R.Sparaci ) Acca Edizioni Roma.




Data Inserimento: Thu, Apr 19, 2018 - 13:46:03

Evento N°: 2556

Nome: Isaco Praxolu

SPONSOR

Località: NAPOLI
THOMAS LANGE | MUTSUO HIRANO
Spital
a cura di Davide Sarchioni e Massimo Tartaglione
21 Aprile - 21 maggio 2018
SMMAVE Centro per l'Arte Contemporanea
Santa Maria della Misericordia ai Vergini
Via Fuori Porta S. Gennaro 15 - Napoli
Inaugurazione sabato 21 aprile, ore 18.30
_______________________________________________________________
SMMAVE Centro per l'Arte Contemporanea presenta Spital, il doppio progetto
di Thomas Lange e Mutsuo Hirano dedicato rispettivamente agli spazi della
Chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini e ai sottostanti ambienti
ipogei, con la cura di Davide Sarchioni e Massimo Tartaglione.
Da diversi anni Thomas Lange (Berlino, 1957) e Mutsuo Hirano (Hyogo, 1952)
collaborano a progetti di ripristino e di allestimento di importanti architetture
come chiese, scuole e abitazioni private attraverso interventi dal forte impatto
estetico ed emotivo, condividendo una personalissima idea di spazio fisico e
culturale in cui elementi architettonici, pittorici e plastici risultano
indissolubilmente legati tra loro.
Spital, termine tedesco traducibile con ospedale, evidenzia l'intenzione dei due
artisti di riflettere sulla storia del luogo, quando già nel XVI secolo i locali del
complesso di Santa Maria della Misericordia ai Vergini furono destinati ad
ospedale per accogliere sacerdoti, poveri e pellegrini o quando gli ambienti
sotterranei dell'antica chiesa vennero utilizzati per la sepoltura con funzione di
“terrasanta”.
A partire da tale riflessione, Lange e Hirano hanno realizzato due installazioni
distinte come parte di un unico e complesso itinerario visivo e spirituale,
articolato intorno ai concetti di vita-morte-rinascita, che procede per sequenze
e piani di lettura stratificati caricandosi di continue tensioni e molteplici
rimandi legati alla storia dell'arte, alla mitologia, all'attualità.
Thomas Lange rilegge gli spazi della chiesa della “Misericordiella” con una
grande installazione d'impianto teatrale ed altamente suggestiva che ne
enfatizza l'impaginazione barocca, esaltandone gli aspetti sacrali e vitalistici. La
pittura deborda nello spazio tridimensionale attraverso metri di tessuto dipinto
che, cadendo vertiginosamente dall'alto verso il basso ai lati della navata,
veicola il fluire di colori e motivi tratti liberamente dall'iconografia cristiana,
intrecciandosi fra le pieghe sinuose fino a risultare quasi indecifrabili. Al centro
della scena sono disposti con apparente casualità 15 Letti di ospedale,
elementari strutture in ferro ricoperte sommariamente da altrettanti lembi di
cotone/lenzuola su cui sono stati dipinti ritratti di amici e famigliari, quale
riferimento al problema dell'immigrazione clandestina e dell'accoglienza.
Chiude la sequenza l'immagine del volto di un Cristo dipinto su un'ampia rete
metallica che, avvolgendo l'altare maggiore, lo nasconde e lo rivela al tempo
stesso, innescando un corto circuito visivo che vuole insinuare l'idea di una
dimensione magica e mistica.
Negli ambienti ipogei, Mutsuo Hirano si è dedicato invece a costruire
un'affascinante visione interculturale dedicata al tema della morte e dell'
“accoglienza” nell'Aldilà, collocando numerosi e diversi busti di terracotta nelle
nicchie laterali un tempo utilizzate per esporre i corpi dei defunti. Si tratta di
figure sconosciute e dal sapore arcaico che esprimono misteriose simbologie e
rappresentano demoni/custodi modellati attingendo liberamente sia dal
bagaglio iconografico occidentale, sia ai segni e alle tradizioni della cultura
orientale, la cui anatomia suggerisce un lento processo di trasformazione e di
decomposizione della carne. La serie dei 50 teschi bianchi collocati in fondo,
non solo segnala il luogo della “terrasanta” ma, riallacciandosi ad una
significativa tradizione popolare, rende omaggio alle anime dei defunti
accogliendo l'idea della rinascita legata alla Resurrezione. Hirano intende però
esprimere il concetto di "rinascita" anche attraverso un approccio animista a
cui è dedicata la stanza attigua, dove grandi parallelepipedi di terracotta simili
a lapidi piantate nel terreno, nascondono volti simbolici la cui epidermide si rifà
ad elementi naturali, quali pietre porose, cortecce degli alberi e foglie.
Tra la vita e la morte, tra l'“adiquà” dell'esistenza umana e l'”aldilà”
dell'essenza spirituale Lange concepisce una “Porta del paradiso”, vecchie
porte di lamiera di ferro sulle quali l'artista ha dipinto un romantico
ricongiungimento tra Orfeo e Euridice. Hirano risponde con la visione trionfante
di un Profeta dorato abbigliato con un sontuoso e coloratissimo Kimono nuziale.


Data Inserimento: Sat, Apr 14, 2018 - 17:56:46

Evento N°: 2555

Nome: Adriano Corsi

SPONSOR

Località: MILANO
Spesso pensiamo allo spazio come ad un attore secondario della composizione, un ‘contenitore’ dove un racconto ha luogo. In questa interpretazione una dicotomia tra le parti è all’opera: vuoto contro pieno, soggetto contro sfondo. È la stessa dicotomia che caratterizza molti altri fenomeni nel nostro modo di ragionare; si pensi, per fare solo qualche esempio, alle coppie luce / ombra oppure suono / silenzio o ancora moto / staticità, dove apparirebbe come inevitabile il carattere di esclusività della relazione.
Basta però soffermarsi un momento su questi esempi per riflettere come sia allo stesso modo vero che, all’interno delle dicotomie, i termini tanto si escludano quanto si definiscano a vicenda. L’uno descrive l’altro, l’altro marca i confini dell’uno. Cosa È l’ombra? È l’assenza di luce. Cosa È il silenzio? È l’assenza di suono. Cosa È la staticità? È l’assenza di moto.
Torniamo allo spazio, il quale prova ulteriormente questa logica. Lo spazio è importante perché definisce il soggetto che in esso agisce e il soggetto, secondo la logica sopra esposta, dunque, a sua volta definisce lo spazio. Maggiormente importante è che solo la loro somma può dare vita all’opera. Gli studi della teoria Gestalt lo evidenziarono in maniera scientifica: la simbiosi tra sfondo (spazio) e figura di primo piano (soggetto) è viva e vitale.
Se lo spazio ha utilità di chiarezza visiva, esso può anche essere, ed è, un valore. La Forma Dello Spazio getta una luce sul suo valore estetico. Gli artisti presenti — Cislaghi, Esposito, Rossi, Ugoni — dedicano una attenzione particolare alla strutturazione visiva (e fisica), delle loro opere. Nelle loro figurazioni essi hanno un modo personale di ‘narrare’ lo spazio, facendone avvertire la presenza in maniera forte. Ora liquido (Rossi) ora grafico-geometrico (Ugoni), in alcuni casi con il rigore di prospettive spesso vertiginose (Esposito), in altri fino a frangersi affilato in piani metallici (Cislaghi), lo spazio dei quattro artisti rivendica un ruolo da protagonista nel loro discorso artistico.
10 maggio - 1 giugno 2018.
Orari: martedì -sabato 10-13 / 15-19
Inaugurazione: 10 maggio 2018 ore 18
Galleria Lazzaro by Corsi
via Cenisio 50, 20154 Milano
t. 02 36521958 - www.gallerialazzaro.it




<---   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121   122   123   124   125   126   127   128   129   130   131   132   133   134   135   136   137   138   139   140   141   142   143   144   145   146   147   148   149   150   151   152   153   154   155   156   157   158   159   160   161   162   163   164   165   166   167   168   169   170   171   172   173   174   175   176   177   178   179   180   181   182   183   184   185   186   187   188   189   190   191   192   193   194   195   196   197   198   199   200   201   202   203   204   205   206   207   208   209   210   211   212   213   214   215   216   217   218   219   220   221   222   223   224   225   226   227   228   229   230   231   232   233   234   235   236   237   238   239   240   241   242   243   244   245   246   247   248   249   250   251   252   253   254   255   256   257   258   259   260   261   262   263   264   265   266   267   268   269   270   271   272   273   274   275   276   277   278   279   280   281   282   --->
(Totale Eventi: 1407)