Eventi e mostre pittura - PITTart.com

  Scrivi la tua mostra o il tuo evento d'arte           
Home PageHome   Annunci di ricerca per preparare nuovi eventi d'arteAnnunci Arte   Biografie Artisti Pittori - Scrivi e pubblica da solo la tua biografiaBiografie Artisti   Pittura e artisti pittori - Per pubblicare gratis le tue opere e la tua biografiaPittura e artisti pittori in mostra
Scrivi i tuoi commenti sull'evoluzione del concetto di arteCommentArte   Recensioni d'arteRecensioni  d'Arte  Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte  

EVENTI E MOSTRE PITTURA - SPAZIO INTERATTIVO

ATTENZIONE
Questo spazio sarà a breve chiuso. Abbiamo tuttavia appena aperto la sezione EVENTI E MOSTRE DI PITTURA su Facebook dove sei invitato a postare il tuo evento.


Data Inserimento: Sat, Nov 12, 2011 - 00:50:00

Evento N°: 1231

Nome: martina cicogna

SPONSOR

Località: ROMA
Sabato 19 Novembre 2011 si inaugura alle ore 18.30 presso lo spazio Vista Arte e Comunicazione, in Via Ostilia 41 (zona Colosseo) a Roma, la mostra collettiva degli artisti: Valentina Furgani (Fu Ya Wen), Stefania Isabella Massoni, Giuseppe Nora, Eliana Paglione, Miki Pedro, Flavio Tiberti, Elena Tutik.
La mostra è dedicata all’indagine sull’interpretazione artistica del tema del Ritratto trasposta nella realtà contemporanea.


Vista


Presenta
Portraits
Mostra Collettiva

DURATA: 19 Novembre 2011 – 2 Dicembre 2011
INAUGURAZIONE: sabato 19 Novembre 2011 h:18.30
ORARI: dal lunedì al venerdì h:16.30 – 19.30; sabato h: 17.00 – 19.30
LUOGO: VISTA Arte e Comunicazione, Via Ostilia 41, Roma (zona Colosseo)
CURATRICE: Mara Valente
INFO: tel. 06.45449756; info@vistatv.it, mr.valente84@gmail.com


“Vista” è un centro dedicato all’arte e alla comunicazione che nasce dall’esperienza di alcuni giornalisti da sempre impegnati nell’organizzazione di eventi d’arte e cultura. Una project gallery che si rivolge ai giovani talenti esordienti, ma accoglie anche esperienze confermate all’ombra della splendida cornice del Colosseo.
L’idea della mostra Portraits (Volti) è nata dalla volontà di indagare la concezione contemporanea di “Ritratto” con il fine ultimo quello di esplorare i nuovi confini di interpretazione artistica del tema.
L’esposizione tenterà di aprire, tramite la presentazione di opere di differenti fatture e tecniche, una parentesi sul lavoro di artisti contemporanei che scelgono di manifestare il loro sentire attraverso questo mezzo.

Valentina Furgani (Fu Ya Wen) << Esplorando la pittura, ho riscoperto una realtá che fino a poco tempo fa credevo fosse terminato con l'infanzia. L'esaltazione di creare, di provare la sorpresa destata dall'effetto di un colore vicino ad un altro. La forma che il quadro assume a poco a poco, emergendo dalla tela, prendendo vita da solo.
Mi sento una mera esecutrice, una spettatrice fortunata, che dalla prima fila si gode lo spettacolo della musica composta dai colori e dalle forme.
Di fronte alla tela vuota ogni volta non so da dove iniziare. Poi, qualcosa decide per me, piu' velocemente della mia ragione, mi dice di scegliere un preciso colore anziché un altro, aggiungere un po' qui, togliere un po lá. Al principio é una battaglia tra linee, campi, toni, materia e segno. Poi si inizia a intuire una convivenza, che a poco a poco diventerà armonia. Esausta capisco che non posso piu' aggiungere né togliere nulla: l'equilibrio sembra raggiunto, la forma appare completata.
I temi dei miei quadri sono classici, prevale la donna, che nella natura riassume la dialettica tra linee rette e curve. Nei secoli ha avuto una valenza divina, propiziatoria e sociale, oltreché estetica. La modella nell' istante stesso in cui inizia a posare smette di essere donna, diventa l'incarnazione dell'ultraterreno.
E' li mi trovo a cercare di cogliere qualcosa di fuggente, catturarlo nella tela.
A volte ho la sensazione di esserci riuscita. Con sorpresa mi accorgo che ogni tocco, ogni segno, che sembrava un passo incerto nel momento dell'esecuzione, sembra essere stato li ad attendere da sempre qualcuno che lo tirasse fuori>>.
Stefania Isabella Massoni, “Half” When you photograph a face,you photograph the soul behind it... Jean -Luc Godard; “Sideway” When you photograph people in colour you photograph their clothes. But when you photograph people in B&W, you photograph their souls! ~Ted Grant
Giuseppe Nora comincia a fotografare nel tentativo di documentare i suoi numerosi viaggi ma ben presto sviluppa una sua speciale visione e tecnica che ha più a che fare con l'immagine artistica che con il reportage in se per se . Il suo innato gusto estetico e il suo acutissimo sguardo gli permettono di trovare un particolare di una qualsiasi situazione e attraverso questo , guardandolo col suo obbiettivo a volte in modo inusuale , di riuscire a fargli esprimere tutta la globalità della situazione stessa. Tutto questo grazie anche ad un sapiente uso dei colori e dei contrasti , affinato nel tempo .
Eliana Paglione l’artista ha cercato di catturare gli aspetti più profondi dell’espressività umana, negandola completamente in una e celebrandola nell’altra. Ad un’attenta e profonda analisi si evince, però, che li dove l’autrice vuole negare vuole, invece comprendere un tutto. In “Silhoutte” infatti, la sola fonte luminosa, in direzione diretta verso la camera, nasconde la percezione realistica del soggetto, descritta solo dalle linee inconfutabili del volto, generando cosi “ritratti nel ritratto”. Semplice tecnica di controluce che regala a chi ci si accosta un posto all’interno dell’opera, entrando in relazione empatica con il soggetto e con l’autrice stessa. Non più un “io” ma un “noi”, non più “individualità” ma “totalità”. Così nella seconda opera, il flash ha “fermato” l’espressione che nel “tempo lungo” si è “trasfigurata” in tanti volti pur rimanendo uno solo .
Miki Pedro è partita molto presto alla scoperta dei legami nascosti nei fenomeni dell'amore, dei non luoghi, dell'eternità, degli dei, della scienza e della fiction, per avere una conoscenza più sicura della natura umana. Quello che ha percepito lo propone, includendo il suo gusto per il vago, la solitudine e le rovine. E' il suo gusto per l'estetica novella, che pretende di accedere al bello senza bisogno di cultura e di regole, che fa di lei un'artista "bohème". Il suo stile è anche il suo modo di essere.
L’opera di Flavio Tiberti Giufà è un personaggio letterario della tradizione orale popolare siciliana.
Personaggio assolutamente privo di ogni malizia e furberia, facile preda di malandrini e truffatori di ogni genere, si esprime per frasi fatte.
Giufà vive alla giornata, in maniera candida e spensierata, incurante di un mondo esterno che pare sempre sul punto di crollargli addosso.
Nelle sue avventure egli si caccia spesso nei guai, ma riesce quasi sempre a uscirne illeso, spesso involontariamente.
L’artista Elena Tutik ha definito la sua opera molto incisivamente, ma sintetizzandone a pieno il significato: << Poesia di curve nascoste>>.



Data Inserimento: Sat, Nov 12, 2011 - 00:49:50

Evento N°: 1230

Nome: martina cicogna

SPONSOR

Località: ROMA
Sabato 19 Novembre 2011 si inaugura alle ore 18.30 presso lo spazio Vista Arte e Comunicazione, in Via Ostilia 41 (zona Colosseo) a Roma, la mostra collettiva degli artisti: Valentina Furgani (Fu Ya Wen), Stefania Isabella Massoni, Giuseppe Nora, Eliana Paglione, Miki Pedro, Flavio Tiberti, Elena Tutik.
La mostra è dedicata all’indagine sull’interpretazione artistica del tema del Ritratto trasposta nella realtà contemporanea.


Vista


Presenta
Portraits
Mostra Collettiva

DURATA: 19 Novembre 2011 – 2 Dicembre 2011
INAUGURAZIONE: sabato 19 Novembre 2011 h:18.30
ORARI: dal lunedì al venerdì h:16.30 – 19.30; sabato h: 17.00 – 19.30
LUOGO: VISTA Arte e Comunicazione, Via Ostilia 41, Roma (zona Colosseo)
CURATRICE: Mara Valente
INFO: tel. 06.45449756; info@vistatv.it, mr.valente84@gmail.com


“Vista” è un centro dedicato all’arte e alla comunicazione che nasce dall’esperienza di alcuni giornalisti da sempre impegnati nell’organizzazione di eventi d’arte e cultura. Una project gallery che si rivolge ai giovani talenti esordienti, ma accoglie anche esperienze confermate all’ombra della splendida cornice del Colosseo.
L’idea della mostra Portraits (Volti) è nata dalla volontà di indagare la concezione contemporanea di “Ritratto” con il fine ultimo quello di esplorare i nuovi confini di interpretazione artistica del tema.
L’esposizione tenterà di aprire, tramite la presentazione di opere di differenti fatture e tecniche, una parentesi sul lavoro di artisti contemporanei che scelgono di manifestare il loro sentire attraverso questo mezzo.

Valentina Furgani (Fu Ya Wen) << Esplorando la pittura, ho riscoperto una realtá che fino a poco tempo fa credevo fosse terminato con l'infanzia. L'esaltazione di creare, di provare la sorpresa destata dall'effetto di un colore vicino ad un altro. La forma che il quadro assume a poco a poco, emergendo dalla tela, prendendo vita da solo.
Mi sento una mera esecutrice, una spettatrice fortunata, che dalla prima fila si gode lo spettacolo della musica composta dai colori e dalle forme.
Di fronte alla tela vuota ogni volta non so da dove iniziare. Poi, qualcosa decide per me, piu' velocemente della mia ragione, mi dice di scegliere un preciso colore anziché un altro, aggiungere un po' qui, togliere un po lá. Al principio é una battaglia tra linee, campi, toni, materia e segno. Poi si inizia a intuire una convivenza, che a poco a poco diventerà armonia. Esausta capisco che non posso piu' aggiungere né togliere nulla: l'equilibrio sembra raggiunto, la forma appare completata.
I temi dei miei quadri sono classici, prevale la donna, che nella natura riassume la dialettica tra linee rette e curve. Nei secoli ha avuto una valenza divina, propiziatoria e sociale, oltreché estetica. La modella nell' istante stesso in cui inizia a posare smette di essere donna, diventa l'incarnazione dell'ultraterreno.
E' li mi trovo a cercare di cogliere qualcosa di fuggente, catturarlo nella tela.
A volte ho la sensazione di esserci riuscita. Con sorpresa mi accorgo che ogni tocco, ogni segno, che sembrava un passo incerto nel momento dell'esecuzione, sembra essere stato li ad attendere da sempre qualcuno che lo tirasse fuori>>.
Stefania Isabella Massoni, “Half” When you photograph a face,you photograph the soul behind it... Jean -Luc Godard; “Sideway” When you photograph people in colour you photograph their clothes. But when you photograph people in B&W, you photograph their souls! ~Ted Grant
Giuseppe Nora comincia a fotografare nel tentativo di documentare i suoi numerosi viaggi ma ben presto sviluppa una sua speciale visione e tecnica che ha più a che fare con l'immagine artistica che con il reportage in se per se . Il suo innato gusto estetico e il suo acutissimo sguardo gli permettono di trovare un particolare di una qualsiasi situazione e attraverso questo , guardandolo col suo obbiettivo a volte in modo inusuale , di riuscire a fargli esprimere tutta la globalità della situazione stessa. Tutto questo grazie anche ad un sapiente uso dei colori e dei contrasti , affinato nel tempo .
Eliana Paglione l’artista ha cercato di catturare gli aspetti più profondi dell’espressività umana, negandola completamente in una e celebrandola nell’altra. Ad un’attenta e profonda analisi si evince, però, che li dove l’autrice vuole negare vuole, invece comprendere un tutto. In “Silhoutte” infatti, la sola fonte luminosa, in direzione diretta verso la camera, nasconde la percezione realistica del soggetto, descritta solo dalle linee inconfutabili del volto, generando cosi “ritratti nel ritratto”. Semplice tecnica di controluce che regala a chi ci si accosta un posto all’interno dell’opera, entrando in relazione empatica con il soggetto e con l’autrice stessa. Non più un “io” ma un “noi”, non più “individualità” ma “totalità”. Così nella seconda opera, il flash ha “fermato” l’espressione che nel “tempo lungo” si è “trasfigurata” in tanti volti pur rimanendo uno solo .
Miki Pedro è partita molto presto alla scoperta dei legami nascosti nei fenomeni dell'amore, dei non luoghi, dell'eternità, degli dei, della scienza e della fiction, per avere una conoscenza più sicura della natura umana. Quello che ha percepito lo propone, includendo il suo gusto per il vago, la solitudine e le rovine. E' il suo gusto per l'estetica novella, che pretende di accedere al bello senza bisogno di cultura e di regole, che fa di lei un'artista "bohème". Il suo stile è anche il suo modo di essere.
L’opera di Flavio Tiberti Giufà è un personaggio letterario della tradizione orale popolare siciliana.
Personaggio assolutamente privo di ogni malizia e furberia, facile preda di malandrini e truffatori di ogni genere, si esprime per frasi fatte.
Giufà vive alla giornata, in maniera candida e spensierata, incurante di un mondo esterno che pare sempre sul punto di crollargli addosso.
Nelle sue avventure egli si caccia spesso nei guai, ma riesce quasi sempre a uscirne illeso, spesso involontariamente.
L’artista Elena Tutik ha definito la sua opera molto incisivamente, ma sintetizzandone a pieno il significato: << Poesia di curve nascoste>>.



Data Inserimento: Sat, Nov 12, 2011 - 00:49:31

Evento N°: 1229

Nome: martina cicogna

SPONSOR

Località: ROMA
Sabato 19 Novembre 2011 si inaugura alle ore 18.30 presso lo spazio Vista Arte e Comunicazione, in Via Ostilia 41 (zona Colosseo) a Roma, la mostra collettiva degli artisti: Valentina Furgani (Fu Ya Wen), Stefania Isabella Massoni, Giuseppe Nora, Eliana Paglione, Miki Pedro, Flavio Tiberti, Elena Tutik.
La mostra è dedicata all’indagine sull’interpretazione artistica del tema del Ritratto trasposta nella realtà contemporanea.


Vista


Presenta
Portraits
Mostra Collettiva

DURATA: 19 Novembre 2011 – 2 Dicembre 2011
INAUGURAZIONE: sabato 19 Novembre 2011 h:18.30
ORARI: dal lunedì al venerdì h:16.30 – 19.30; sabato h: 17.00 – 19.30
LUOGO: VISTA Arte e Comunicazione, Via Ostilia 41, Roma (zona Colosseo)
CURATRICE: Mara Valente
INFO: tel. 06.45449756; info@vistatv.it, mr.valente84@gmail.com


“Vista” è un centro dedicato all’arte e alla comunicazione che nasce dall’esperienza di alcuni giornalisti da sempre impegnati nell’organizzazione di eventi d’arte e cultura. Una project gallery che si rivolge ai giovani talenti esordienti, ma accoglie anche esperienze confermate all’ombra della splendida cornice del Colosseo.
L’idea della mostra Portraits (Volti) è nata dalla volontà di indagare la concezione contemporanea di “Ritratto” con il fine ultimo quello di esplorare i nuovi confini di interpretazione artistica del tema.
L’esposizione tenterà di aprire, tramite la presentazione di opere di differenti fatture e tecniche, una parentesi sul lavoro di artisti contemporanei che scelgono di manifestare il loro sentire attraverso questo mezzo.

Valentina Furgani (Fu Ya Wen) << Esplorando la pittura, ho riscoperto una realtá che fino a poco tempo fa credevo fosse terminato con l'infanzia. L'esaltazione di creare, di provare la sorpresa destata dall'effetto di un colore vicino ad un altro. La forma che il quadro assume a poco a poco, emergendo dalla tela, prendendo vita da solo.
Mi sento una mera esecutrice, una spettatrice fortunata, che dalla prima fila si gode lo spettacolo della musica composta dai colori e dalle forme.
Di fronte alla tela vuota ogni volta non so da dove iniziare. Poi, qualcosa decide per me, piu' velocemente della mia ragione, mi dice di scegliere un preciso colore anziché un altro, aggiungere un po' qui, togliere un po lá. Al principio é una battaglia tra linee, campi, toni, materia e segno. Poi si inizia a intuire una convivenza, che a poco a poco diventerà armonia. Esausta capisco che non posso piu' aggiungere né togliere nulla: l'equilibrio sembra raggiunto, la forma appare completata.
I temi dei miei quadri sono classici, prevale la donna, che nella natura riassume la dialettica tra linee rette e curve. Nei secoli ha avuto una valenza divina, propiziatoria e sociale, oltreché estetica. La modella nell' istante stesso in cui inizia a posare smette di essere donna, diventa l'incarnazione dell'ultraterreno.
E' li mi trovo a cercare di cogliere qualcosa di fuggente, catturarlo nella tela.
A volte ho la sensazione di esserci riuscita. Con sorpresa mi accorgo che ogni tocco, ogni segno, che sembrava un passo incerto nel momento dell'esecuzione, sembra essere stato li ad attendere da sempre qualcuno che lo tirasse fuori>>.
Stefania Isabella Massoni, “Half” When you photograph a face,you photograph the soul behind it... Jean -Luc Godard; “Sideway” When you photograph people in colour you photograph their clothes. But when you photograph people in B&W, you photograph their souls! ~Ted Grant
Giuseppe Nora comincia a fotografare nel tentativo di documentare i suoi numerosi viaggi ma ben presto sviluppa una sua speciale visione e tecnica che ha più a che fare con l'immagine artistica che con il reportage in se per se . Il suo innato gusto estetico e il suo acutissimo sguardo gli permettono di trovare un particolare di una qualsiasi situazione e attraverso questo , guardandolo col suo obbiettivo a volte in modo inusuale , di riuscire a fargli esprimere tutta la globalità della situazione stessa. Tutto questo grazie anche ad un sapiente uso dei colori e dei contrasti , affinato nel tempo .
Eliana Paglione l’artista ha cercato di catturare gli aspetti più profondi dell’espressività umana, negandola completamente in una e celebrandola nell’altra. Ad un’attenta e profonda analisi si evince, però, che li dove l’autrice vuole negare vuole, invece comprendere un tutto. In “Silhoutte” infatti, la sola fonte luminosa, in direzione diretta verso la camera, nasconde la percezione realistica del soggetto, descritta solo dalle linee inconfutabili del volto, generando cosi “ritratti nel ritratto”. Semplice tecnica di controluce che regala a chi ci si accosta un posto all’interno dell’opera, entrando in relazione empatica con il soggetto e con l’autrice stessa. Non più un “io” ma un “noi”, non più “individualità” ma “totalità”. Così nella seconda opera, il flash ha “fermato” l’espressione che nel “tempo lungo” si è “trasfigurata” in tanti volti pur rimanendo uno solo .
Miki Pedro è partita molto presto alla scoperta dei legami nascosti nei fenomeni dell'amore, dei non luoghi, dell'eternità, degli dei, della scienza e della fiction, per avere una conoscenza più sicura della natura umana. Quello che ha percepito lo propone, includendo il suo gusto per il vago, la solitudine e le rovine. E' il suo gusto per l'estetica novella, che pretende di accedere al bello senza bisogno di cultura e di regole, che fa di lei un'artista "bohème". Il suo stile è anche il suo modo di essere.
L’opera di Flavio Tiberti Giufà è un personaggio letterario della tradizione orale popolare siciliana.
Personaggio assolutamente privo di ogni malizia e furberia, facile preda di malandrini e truffatori di ogni genere, si esprime per frasi fatte.
Giufà vive alla giornata, in maniera candida e spensierata, incurante di un mondo esterno che pare sempre sul punto di crollargli addosso.
Nelle sue avventure egli si caccia spesso nei guai, ma riesce quasi sempre a uscirne illeso, spesso involontariamente.
L’artista Elena Tutik ha definito la sua opera molto incisivamente, ma sintetizzandone a pieno il significato: << Poesia di curve nascoste>>.



Data Inserimento: Tue, Nov 8, 2011 - 10:44:00

Evento N°: 1228

Nome: Sara Pessato

SPONSOR

Località: ROMA
la Gallery dei Peccati:
GOLA
collettiva a cura di Sara Pessato
Roma - dal 19 novembre al 1 dicembre 2011
degliZingari Gallery

La degliZingari Gallery propone un nuovo ciclo di mostre collettive aperte a pittura, scultura, fotografia, installazioni e video arte: gli artisti avranno la possibilità di confrontarsi a partire dal mese di novembre con la rappresentazione dei 7 Peccati Capitali attraverso le loro opere.
Evento: la Gallery dei Peccati: GOLA
Vernissage: 19 novembre 2011, ore 19.00.
Esposizione: dal 19 novembre al 1 dicembre 2011; dalle ore 10.00 alle ore 17.00 dal martedì al sabato (o su appuntamento).
Sede: degliZingari Gallery –Via degli Zingari, 52/54 – 00184 Roma .
Info: www.deglizingari.it – deglizingarigallery@gmail.com - tel. 06.48907135 - Facebook: DegliZingari Atelier D’arte


Data Inserimento: Tue, Nov 8, 2011 - 10:43:19

Evento N°: 1227

Nome: Sara Pessato

SPONSOR

Località: ROMA
la Gallery dei Peccati:
GOLA
collettiva a cura di Sara Pessato
Roma - dal 19 novembre al 1 dicembre 2011
degliZingari Gallery

La degliZingari Gallery propone un nuovo ciclo di mostre collettive aperte a pittura, scultura, fotografia, installazioni e video arte: gli artisti avranno la possibilità di confrontarsi a partire dal mese di novembre con la rappresentazione dei 7 Peccati Capitali attraverso le loro opere.
Fin dalla loro prima apparizione in Occidente, risalente agli scritti del monaco Giovanni Cassiano vissuto tra IV e V secolo, i Peccati Capitali sono stato oggetto di studio da parte di artisti, scrittori, filosofi, psicologi, nonché oggetto di rappresentazioni teatrali e film. Basti pensare al peccato della Lussuria che D’Annunzio sviscera nel suo capolavoro “Il Piacere”, oppure alla Superbia di “Pride and Justice” di Jane Austen, all’Invidia che si collega alle teorie di Freud, all’Accidia del Purgatorio dantesco, al testo de “L’avaro” di Molière.
Oggi ogni Peccato ha una chiave di lettura ben diversa rispetto a quella originaria: sarà dunque estremamente interessante osservare con attenzione il modo in cui gli artisti che parteciperanno alle mostre collettive sapranno interpretare sia il singolo Peccato che la complessità di tutti e sette.
Si inizia con la GOLA: un desiderio d’appagamento immediato del corpo per mezzo di qualche cosa di materiale che provoca compiacimento. E’ un’irrefrenabilità, un’incapacità di moderarsi nell’assunzione di cibo. Il rapporto col cibo è un problema serio che investe aspetti legati all’esistenza stessa: non è solo un tema alimentare, va alla radice dell’accettazione o del rifiuto di sé. Tematica questa particolarmente di attualità.
I visitatori della mostra avranno dunque la possibilità di ammirare opere d’arte legate alla GOLA: irriverenti o riflessive che esse siano.
Nella serata inaugurale sarà presente la cantina vitivinicola Colle Picchioni, principale etichetta italiana, nella figura del Responsabile Valerio Di Mauro, con le proprie selezioni di vini per offrire un benvenuto a tutti i presenti.

Evento: la Gallery dei Peccati: GOLA
Vernissage: 19 novembre 2011, ore 19.00.
Esposizione: dal 19 novembre al 1 dicembre 2011; dalle ore 10.00 alle ore 17.00 dal martedì al sabato (o su appuntamento).
Sede: degliZingari Gallery –Via degli Zingari, 52/54 – 00184 Roma .
Info: www.deglizingari.it – deglizingarigallery@gmail.com - tel. 06.48907135 - Facebook: DegliZingari Atelier D’arte

<---   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121   122   123   124   125   126   127   128   129   130   131   132   133   134   135   136   137   138   139   140   141   142   143   144   145   146   147   148   149   150   151   152   153   154   155   156   157   158   159   160   161   162   163   164   165   166   167   168   169   170   171   172   173   174   175   176   177   178   179   180   181   182   183   184   185   186   187   188   189   190   191   192   193   194   195   196   197   198   199   200   201   202   203   204   205   206   207   208   209   210   211   212   213   214   215   216   217   218   219   220   221   222   223   224   225   226   227   228   229   230   231   232   233   234   235   236   237   238   239   240   241   242   243   244   245   246   247   248   249   250   251   252   253   254   255   256   257   258   259   260   261   262   263   264   265   266   267   268   269   270   271   272   273   274   275   276   277   278   279   280   --->
(Totale Eventi: 1399)