Eventi e mostre pittura - PITTart.com

  Scrivi la tua mostra o il tuo evento d'arte           
Home PageHome   Annunci di ricerca per preparare nuovi eventi d'arteAnnunci Arte   Biografie Artisti Pittori - Scrivi e pubblica da solo la tua biografiaBiografie Artisti   Pittura e artisti pittori - Per pubblicare gratis le tue opere e la tua biografiaPittura e artisti pittori in mostra
Scrivi i tuoi commenti sull'evoluzione del concetto di arteCommentArte   Recensioni d'arteRecensioni  d'Arte  Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte  

EVENTI E MOSTRE PITTURA - SPAZIO INTERATTIVO

ATTENZIONE
Questo spazio sarà a breve chiuso. Abbiamo tuttavia appena aperto la sezione EVENTI E MOSTRE DI PITTURA su Facebook dove sei invitato a postare il tuo evento.


Data Inserimento: Thu, Sep 2, 2010 - 15:45:49

Evento N°: 704

Nome: Daniela Paola Aglione

SPONSOR

Località: MILANO
Tremonti e Cattelan,
gli artisti che mettono in croce Milano


Riapre la stagione artistica meneghina tra polemiche nepotiste e perbenismo


ARTE | Milano si prepara alla riapertura della stagione artistica. Con esercizi di equilibrismo di notevole fattura e col solito grembiulino cerchiobottista ben stirato, cerca di non pestare troppi piedi. Dopo la mancata condanna a Bros e la legalissima mostra di street art al Museo delle Scienze e delle Tecniche, con tanto di progetto d’arte pubblica tra Assessorato alla Cultura e Gisella Borioli di Superstudio Più, Milano oggi allontana possibili tempeste bocciando il cavallo INRI di Cattelan per eccesso di contiguità con il Duomo, poi un po’ torna sui suoi passi concedendo all’artista di esporre il Papa colpito dal meteorite – col benestare della Curia – e di fare il dito medio a Piazza Affari, ma solo quello figurato di Omnia Munda Mundi, tra le critiche di Masseroli & Co. La mostra di Maurizio Cattelan è prevista per il 24 settembre a Palazzo Reale benché sul sito del sito ad oggi tutto tace, forse perché col risicato budget al posto della grande retrospettiva ci sarà soltanto un assaggio magro magro di sole quattro opere, una delle quali collocate fuori dal Palazzo.
La Milano morattiana apre concretamente la stagione al Gam, Palazzo Reale, con “Angiola Tremonti scultura 2000 – 2010″, la personale del componente esterno della Commissione Arredo e Decoro Urbano del Comune di Milano (in buona compagnia di Stefano Zecchi, Giorgio Forattini, Gabriele Basilico, Arnaldo Pomodoro, Andreas Kipar e altri) e sorella del Ministro dell’Economia. Classe 1948, Angiola Tremonti prima di dedicarsi all’arte (dal 1988 come da sua biografia) si dedica alla didattica, allo sport, al sociale. Il 16 settembre inaugureranno la sua mostra il Sindaco Letizia Moratti e l’Assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory, che così ne commenta le opere: le figure poliformi di Angiola Tremonti danno corpo a un’emozione intima e profonda dell’animo(…) per provare a sondare le sue forze primigenie e misteriose là dove realtà e sogno si confondono creativamente”. Il Curatore (e stipendiato de Il Giornale) Luca Beatrice, così definisce il lavoro della Tremonti le sue mille idee confusamente e creativamente sovrapposte l’una sull’altra (…) Un corpus messo insieme con coerenza e impegno, nonostante le continue digressioni esterne(…) Fantasia e rigore, immaginazione e fermezza. Sono gli ossimori entro cui si muove l’artista davvero concentrata sul messaggio e sul senso del suo fare che sembrano più il giudizio della maestra al tema di un’alunna.

Interessante la duplice presenza di donne crocifisse, quella della Tremonti (Mabilla Crocefissa) e quella di Cattelan. Cosa si può pensare di questa coincidenza bipartisan? Magari soltanto che non c’è due senza tre, alle politiche di Milano manca pochissimo e tra i candidati c’è anche il bel Boeri…

di Daniela Paola Aglione
Segui la sua Rassegna Stampa quotidiana sull'Arte su www.immobilia-re.eu



Data Inserimento: Thu, Sep 2, 2010 - 15:32:07

Evento N°: 702

Nome: Francesca De Pieri

SPONSOR

Località: VENEZIA
VENICE DESIGN WEEK 8-17 Ottobre 2010

Venezia, sede della biennale, non aveva un evento dedicato al Design. Mancava in Veneto, area feconda di aziende che esportano, una rassegna dedicata alla produzione, ed in particolar modo a tutte quelle produzioni che stanno al limite tra prodotti industriali e prodotti personalizzati artigianalmente. La Venice Design Week si svolgerà dall'8 al 17 Ottobre contaminando tutta la città in percorsi di design. La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Venezia e dell'assessorato alla Cultura. Propone un'esposizione diffusa e un calendario ricco di eventi, incontri e conferenze.
Alla Venice Design Week verranno coinvolti i sensi dei partecipanti non solo la vista ed il tatto tra calli e campielli, in luoghi che esporranno oggetti e progetti site specific, ma anche il gusto e l'olfatto in ristoranti che proporranno piatti genuini e insoliti o panetterie che produrranno il pane fucsia (colore dei luoghi della manifestazione) al profumo di rapa rossa ottenuto da ingredienti completamente naturali. I percorsi di design metteranno in luce la creatività di designer emergenti. Le idee e gli oggetti saranno il centro della manifestazione. Gli incontri sul design permetteranno di avviare sinergie tra creativi e aziende di far conoscere le dinamiche della progettazione rendendo partecipe la cittadinanza con laboratori di sperimentazione della fantasia. Adulti e bambini potranno iscriversi agli incontri in cui i designer con il gioco faranno sperimentare le vie della creatività. Le scuole sono invitate ad ospitare laboratori vivaci sulla costruzione e riciclo dei materiali che permetteranno di riflettere sulla nascita di un oggetto sull'uso fino allo smaltimento o riuso della materia. Con la manifestazione debutta il concorso internazionale dal tema FABBRICARE COSE art | handcraft | industry che coinvolge una giuria internazionale, è aperto a designer studenti e professionisti di tutte le età che possono partecipare registrandosi on-line dal 10 al 24 Settembre 2010 sul sito www.designweek.it. Le premiazioni avverranno il 17 Ottobre durante la festa di chiusura della Design Week a Ca' Zanardi.

Informazioni sulla manifestazione nel sito www.designweek.it

Venice Design Week è organizzato da vogliadarte.it con il patrocinio del Comune di Venezia
Agenzia di comunicazione e segreteria organizzativa AD3.it


Data Inserimento: Wed, Sep 1, 2010 - 16:08:28

Evento N°: 700

Nome: Letizia Caiazzo

SPONSOR

Località: NAPOLI
L’arte digitale di Letizia Caiazzo dal Castello Medievale di Agropoli al Chiostro di San Francesco a Sorrento



Sorrento – Grande attesa per la mostra personale di arte digitale “Avatar, Oracoli e Visioni” dell’artista Letizia Caiazzo presso il Chiostro di San Francesco di Sorrento con vernissage fissato sabato 11 settembre alle ore 19,00. Antonella Nigro, critico d’arte, così ne interpreta l’opera: “L’Arte Digitale proposta da Letizia Caiazzo è poetica, introspettiva, onirica: software e mouse divengono gli strumenti più consoni all’artista per visualizzare la concezione di un’opera interamente ispirata all’immaginazione, alla creatività, al sogno. Attraverso versioni elettroniche di pennelli e tavolozze, l’artista produce immagini non ottenibili attraverso i convenzionali strumenti fotografici, ne risulta, che esse appaiono come “inconsistenti realtà”.”. Questo ossimoro è alla base del fascino delle tele digitali di Letizia Caiazzo. La genesi dell’opera ha come fondamento sempre il contingente reale che, solo successivamente, è sublimato in visione. Concepita, dunque, come visione l’immagine comunica più significati, travalicando, inevitabilmente, la pura oggettività. Un’alternanza iconografica divide le opere con soggetto in posa da quelle con soggetto in movimento, ove elemento comune è la plasticità. A tale proposito la predilezione nel ritrarre danzatori in performance, conferma l’attenzione che l’artista pone nell’indagine sia del moto che del concetto di poesia figurativa. Leggerezza e leggiadria non sono le uniche prerogative della danza che l’artista intende evidenziare, ma anche e soprattutto la passione che pervade tale arte. Ecco, dunque, la seduzione del flamenco e la malìa del tango. La tensione al dato emotivo-passionale, è anche la spinta all’indagine dell’eros come condivisione e appartenenza l’uno all’altra: gli amanti rubano i propri baci fondendosi indissolubilmente nell’abbraccio dei corpi e dei colori, bloccati eternamente nell’attimo infinitesimale del pixel. Più che nella originale evoluzione degli effetti grafici e cromatici dell’arte digitale, il dato onirico è riscontrabile nella scelta di alcune tematiche ricorrenti: porte, cancelli e finestre di centri storici proposti come unici protagonisti della tela o in attenti close-up. Tali soggetti trasmettono silenzi, apparentemente luoghi della memoria, in realtà metafore, ingressi veri e propri a mondi interiori. Su queste soglie l’osservatore sosta per poco, poiché, invisibili, ancestrali oracoli, lo guidano in spazi sconosciuti. Non a caso, tematica cara all’artista è la partenza, il viaggio, tormentata e invitta voglia di conoscenza trafitta di nostalgia. Nell’elaborazione del ritratto l’artista si sofferma sulla sua scomposizione e moltiplicazione, procedimento estetico e coloristico rivolto da un lato all’equilibrio e alla bellezza formale – compositiva dell’opera, dall’altro allo studio del dettaglio somatico quale portatore di una storia, di una soluzione al mistero dei sentimenti, dell’uomo, della vita. Sempre, iconograficamente, un vortice di colori accarezza e imprigiona l’osservatore, ammaliando attraverso un’ immagine nuova, figlia della tecnologia e del sogno, mai disgiunta dalle emozioni. A volte, un gatto nero, compare tra gli spazi, gli oggetti e i soggetti ritratti, avatar curioso e lesto, firma ironica e simbolica dell’artista, un po’ strega, un po’ fata, padrona di nuove, ignote e straordinarie alchimie digitali.” La mostra sarà visitabile fino al 25 settembre. In esposizione più di 20 opere su tela, oltre a abiti e nuove creazioni ispirate all’ultima ricerca cromatica dell’artista.


Data Inserimento: Wed, Sep 1, 2010 - 10:37:02

Evento N°: 699

Nome: Gad Art Factory

SPONSOR

Località: GROSSETO
“Danza per un corpo libero” di Massimo Costoli e Claudia Conserva
COMUNICATO STAMPA del 01/09/10
“Art Inside” di Rossella Rosati presenta un nuovo appuntamento con l’arte contemporanea in occasione in occasione della manifestazione Aphrodisiac organizzata dal Comune di Città della Pieve.

Po’ Bandino / Città della Pieve (Pg)- “Art Inside” di Rossella Rosati presenta da sabato 4 settembre alle 18.00 ( ora del vernissage) un nuovo appuntamento con l’arte contemporanea “Danza per un corpo libero” di Massimo Costoli e Claudia Conserva. Col supporto critico ed organizzativo della storica dell’arte Alessandra Barberini e dallo studio Gad Art Factory, la mostra è programmata in occasione della manifestazione “Aphrodisiac”organizzata dal Comune di Città della Pieve. Gli artisti Massimo Costoli e Claudia Conserva hanno studiato insieme il concept del progetto: Massimo si occupa della ricerca fotografica, Claudia della ricerca dei materiali per supporti, progetta e realizza la lavorazione delle fotografie che sono stampate su dei pannelli di legno con una copertura di gesso lavorata a mano, imperfetta, segnata da sgocciolature e graffi, ulteriormente lavorata con altri interventi a stampa fotografica avvenuta, su cui vengono “annotati” a mano calcoli, appunti e riflessioni. Per questo più che un’esposizione, l’appuntamento si presenterà come un racconto per fotogrammi della danza di un corpo libero nello spazio nel suo alternarsi di movimento e stasi.
Presentazione critica
“Racconto per fotogrammi della danza di un corpo libero nello spazio, nel suo alternarsi armonico fra movimento e stasi “ a cura di A. Barberini
Corpi dai volti spesso nascosti da drappi che scendono e li avvolgono, li sezionano, che emergono dalla materia dei fondi in gesso, prepotenti, orgogliosi, ostentando la loro fisicità, mostrata senza filtri e colta esattamente nell’attimo di massima tensione artistica e fisica del movimento. Un movimento catturato, immortalato nell’esecuzione della danza che idealmente. Nudi di donne senza identità, corpi che si muovono in uno spazio denso, reso ancora più tangibile dalla superficie fortemente materica dei pannelli, da cui emergono in piena luce, o scompaiono quasi inghiottite nel buio; superfici imperfette, su cui sono trasferite immagini che rivelano una speciale sensibilità nel cogliere l'influenza della luce sulle cose, sulle superfici e la conseguente importanza delle ombre nella composizione generale, che mettono ancora più in evidenza la simbiosi dei due artisti nel concepire e sviluppare, perfettamente in sintonia, un unico progetto creativo, riuscendo a far dialogare la fotografia con i supporti preparati scrupolosamente a mano, trasferendo una sensazione tattile, quasi tridimensionale alla foto, a significare una sua espansione fisica e di senso.
Artisti: Massimo Costoli/Claudia Conserva
Titolo dell’evento: “Danza per un corpo libero “
Spazio espositivo: Art Inside di Rossella Rosati- Loc. Po’ bandino- Città della Pieve (PG)
Tel. 0578.222413 Fax. 0578.809061 artinsideinaglassbox@gmail.com
Organizzazione generale e allestimenti : Rossella Rosati
Presentazione critica e coordinamento: Alessandra Barberini
Programmazione artistica e comunicazione: studio GAD Art Factory Via Giordania, 227 - 58100 Grosseto
www.gadartfactory.it
Ufficio Stampa GADArtFactory: Mariavittoria Peccatori comunicazione2@gadartfactory.it -
Con il Patrocinio dell'Amm.ne Comunale di Città della Pieve (PG)
Data e ora del vernissage: sabato 4 settembre ore 18.00
Data di chiusura: 3 ottobre
Orari di apertura: orario apertura mostra dal lunedì al sabato ore 9-13/15-19 ingresso libero

CURRICULA ARTISTI
Massimo Costoli
Fotografo pubblicitario dal 1992.
Attualmente si occupa di fotografia di moda e still life.
Collabora con diverse redazioni e agenzie di comunicazione.
Parallelamente ha sviluppato diverse ricerche fotografiche di carattere non commerciale che ha esposto in diverse mostre.
1998 personale a Londra ,sponsor Max Mara.
2006 personale s Reggio Emilia presso Palazzo Magnani.
2007 esposizione con Claudia Conserva alla Settimana Europea della Fotografia a
Reggio Emilia
2008 esposizione con Claudia Conserva a Parigi al "mois de la photographie" presso la galleria selective art
Claudia Conserva
Diplomata al liceo artistico di Lecco.
Diplomata all' Accademia di belle arti di Urbino, corso di pittura.
Nel suo ciclo di studi frequenta numerosi laboratori come: modellistica (realizzazione calchi in gesso, utilizzo di resine epossidiche e stampi in silicone), incisione, serigrafia, fotografia (con l’utilizzo della tecnica del foro-stenopeico).
Si laurea nel 2005 con una tesi in fotografia di reportage.
Nel 2005 espone la serie dei “teatrini luminosi” in occasione del Salone del Mobile di Milano Presso la galleria d’arte Guido Lemmi , Milano.
Nel 2006 lavora come assistente per Massimo Costoli, in seguito inizia la loro collaborazione.
Attualmente vive a Como, lavora come grafica e fotografa free-lance.
Costoli+Conserva
Nel 2006 Claudia Conserva inizia a lavorare per il fotografo Massimo Costoli come assistente, contemporaneamente inizia la loro collaborazione artistica.
Nel 2007 partecipano al festival della fotografia europea di Reggio Emilia con il progetto “sOGGETTI”.
Nel 2008 partecipano con il progetto “Danza per un corpo libero: mutazioni su sfondo nero” al Festival della Fotografia Europea di Reggio Emilia, presso RE:VOLT, corpo elettrico.
Gennaio 2009 espongono nella mostra collettiva "Bologna batte Berlino" presso la galleria Oltredimore di Bologna il progetto DANZA PER UN CORPO LIBERO: Studio del movimento tra espansione e sottrazione: MUTAZIONI B+N"
Novembre 2009 espongono DANZA PER UN CORPO LIBERO: Studio del movimento tra espansione e sottrazione: MUTAZIONI B+N" a Parigi, durante il "Mois de la Photo", presso la galleria "Selective Art Gallery".
Aprile 2009 "DANZA PER UN CORPO LIBERO" viene esposto ad ARTO', Art Fair in Open City, Roma.
Massimo e Claudia studiano insieme il concept del progetto, Massimo si occupa della ricerca fotografica, Claudia della ricerca dei materiali per i supporti, progetta e realizza la lavorazione delle fotografie.



Data Inserimento: Sun, Aug 29, 2010 - 18:51:12

Evento N°: 698

Nome: Soqquadro

SPONSOR

Località: ROMA
Sabato 4 settembre 2010 si inaugura alle ore 18.30 presso la galleria Vista Arte e Comunicazione, in Via Ostilia 41 (zona Colosseo) a Roma, la mostra Frammenti, esposizione personale del’artista Luigi Profeta. La sperimentazione di Luigi Profeta si costruisce su geometrie nette e superfici polimateriche, che dividono lo spazio tramite sagome dai contorni precisi, contrassegnate da un colore o da un motivo specifico.

Soqquadro & Vista
Presentano
Frammenti
Mostra personale

DURATA: dal 4 al 10 settembre 2010
INAUGURAZIONE: sabato 4 settembre ore 18.30
ORARI: dal lunedì al venerdì 16.00-20.00 sabato 17.00-19.30
LUOGO: VISTA Arte e Comunicazione, Via Ostilia 41, Roma (zona Colosseo)
CURATRICE: Marina Zatta
TESTO CRITICO: Paolo levi
INFO: tel. 06.45449756, cell. 333.7330045, 349.6309004
soqquadro@interfree.it www.soqquadro.eu

“Vista” è un centro dedicato all’arte ed alla comunicazione che nasce dall’esperienza di alcuni giornalisti da sempre impegnati nell’organizzazione di eventi d’arte e cultura. Una project gallery che si rivolge ai giovani talenti esordienti ma accoglie anche esperienze confermate all’ombra della splendida cornice del Colosseo.

In questo luogo Soqquadro espone la mostra personale di Luigi Profeta curata da Marina Zatta; La sperimentazione di Luigi Profeta si costruisce su geometrie nette e superfici polimateriche, che dividono lo spazio tramite sagome dai contorni precisi, contrassegnate da un colore o da un motivo specifico. Le cromie che appaiono in questi lavori sono forti, incisive, accostate in molti casi a lastre di materia metallica. Il suo comporre è sempre calibrato, ordinato e razionale - anche quando gli spazi appaiono gremiti di grovigli filiformi - basandosi sulla dialettica tra forme e sostanze diverse, sull’alternanza di forme geometriche (cubi, parallelepipedi, sfere) che emergono in bassorilievo e, superfici piatte e monocrome, su cui elementi tessili giocano spesso di contrasto. Profeta rivela sapienza costruttiva negli accostamenti, dando vita a tensioni tra ordine e caos, tra istinto e ragione, dove anche parole e numeri diventano le tracce simboliche di un percorso laborioso e introspettivo, che si rivela nella testimonianza esplicitamente narrativa delle sue titolazioni. Le forme in cui si declina il suo percorso artistico ricordano le architetture primarie di certe costruzioni giocattolo, anche se qui nulla fa pensare a un intento ludico, né tanto meno al ritrovamento di un tempo perduto. Si tratta piuttosto di una ricognizione sulle origini della forma, e sulla purezza delle geometrie euclidee, esplorate come fonte primaria di comprensione delle regole che governano le forze della natura, e quindi anche come utopia di un apparato regolatore su cui ordinare i comportamenti umani.

<---   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121   122   123   124   125   126   127   128   129   130   131   132   133   134   135   136   137   138   139   140   141   142   143   144   145   146   147   148   149   150   151   152   153   154   155   156   157   158   159   160   161   162   163   164   165   166   167   168   169   170   171   172   173   174   175   176   177   178   179   180   181   182   183   184   185   186   187   188   189   190   191   192   193   194   195   196   197   198   199   200   201   202   203   204   205   206   207   208   209   210   211   212   213   214   215   216   217   218   219   220   221   222   223   224   225   226   227   228   229   230   231   232   233   234   235   236   237   238   239   240   241   242   243   244   245   246   247   248   249   250   251   252   253   254   255   256   257   258   259   260   261   262   263   264   265   266   267   268   269   270   271   272   273   274   --->
(Totale Eventi: 1366)