Eventi e mostre pittura - PITTart.com

Home PageHome    Le tue pagineLe tue pagine      Scrivi la tua mostra o il tuo evento d'arte             Mostre pitturaMostre Pittura
Eventi d'arte archiviatiEventi e Mostre d'arte archiviati      Richiedi il circuito eventi e notizie d'arte per il tuo sitoRichiedi circuito Eventi e Notizie d'Arte     Correnti d'arteCorrenti d'arte
Elenco pittoriElenco Pittori  Elenco Gallerie d'ArteGallerie d'Arte   Elenco Critici d'ArteCritici d'Arte   Elenchi Belle Arti - Produzione o VenditaDitte Belle Arti   Musei e PinacotecheMusei   Concorso pitturaConcorso Pittura
Annunci preparatori di eventi d'arteAnnunci preparatori di eventi d'arte  Scrivi il tuo concetto d'arteScrivi il tuo concetto di arte  Scrivi gratuitamente e Annuncia il tuo evento d'arte Annuncia una mostra d'arte

Biografie Artisti

Questo spazio è dedicato alla pubblicazione gratuita dei soli artisti pittori che desiderano presentare al pubblico la sintesi della propria carriera. Se sei un pittore e vuoi aggiungere qui la tua biografia, clicca sul tasto scrivi.


Data Inserimento: Tue, Mar 31, 2009 - 17:14:56

Artista N°: 14

Nome: Maurizio Sacchini

SPONSOR

Località: TERAMO
Maurizio Sacchini


Curriculum vitae:
1988 - Teramo Partecipazione alla “Mostra di Artigianato Abruzzese“ presso il Centro Congressi.
1989 - Pagliare del Tronto (AP) Personale Scuola Elementare.
- Tortoreto Lido (TE) Personale Azienda di Soggiorno.
- Giulianova Lido (TE) Personale Ass.Naz.Marinai d’Italia.
1990 - Ancarano (TE) Personale studio “Art & Design”.
- Milano Partecipazione “ Premio Arte” rivista Arte Mondatori.
1991- Pagliare del Tronto(AP) Personale Circolo degli Anziani.
- S. Omero (TE) Personale “1^ edizione Mostra mercato dell’Artigianato”.
1992 - Bologna Personale Galleria “Vicolo Quartirolo” Arte Spazio Dieci.
- Osimo (AN) Partecipazione “Premio Italia” Budapest, Stoccolma, New York – Rivista “Art Leader”.
- S. Paolo di Jesi (AN) 1^ “Biennale d’Arte Contemporanea Giallo Oltremare”.
- Carpi (MO) Personale Art Box – 5^ Mostra Mercato d’Arte Moderna.
- New York (U.S.A) Vincitore del Premio Italia 1992.
- Firenze E.I.A.C. Esposizione Internazionale Artisti Contemporanei.
- Collabora alla redazione della rivista di arte, architettura, informazione, design e cultura: ART LEADER Ed. Massacesi.
1993 - San Giovanni in Fiore (CS) Collettiva Galleria De Lucarte.
- Ancarano (TE) Personale Art & Design Gallery
- Carpi (MO) Personale Art Box – 6^ Mostra Mercato d’Arte Moderna.
- L’Aquila Collettiva “First and Word” – Forte Spagnolo - Sopraintendenza per i Beni Ambientali, Architettonici e Storici per l’Abruzzo.
- Milano Collettiva “ Arte a Parte”.
1994 - Milano MIART Parco Esposizioni di Novereto (MI)
- Bari Expo Arte Fiera Internazionale d’Arte - Fiera Internazionale di Arte Contemporanea Fiera del Levante di Bari.
- Torino ARTISSIMA Fiera d’Arte moderna e contemporanea Lingotto fiera Torino.
- Padova Arte Fiera di Padova Mostra Mercato d’Arte Contemporanea
95/97 - Ancona Collabora alla redazione della rivista di arte, cultura e finanza “ART and WORDS” Ed. Bingi.
1998 - Ancarano (TE) Personale “1988-98 Ten years after” Art & Design Gallery.
1999 - Venturina (LI) ETRURIA ARTE 10^ Mostra mercato d’arte contemporanea.




Data Inserimento: Thu, Mar 19, 2009 - 18:50:26

Artista N°: 12

Nome: Irina Federova

SPONSOR

Località: BOLOGNA
IRINA FEDOROVA

La pittrice Irina Fedorova è nata il 30 Ottobre 1969 a Leningrado (oggi San Pietroburgo - Russia), laureatasi con il massimo dei voti in lingue e letteratura straniera presso l’Università Statale di San Pietroburgo, cresciuta in una famiglia intellettuale (suo padre è uno dei maggiori ricercatori letterari russi); fin da piccola, appassionata d'arte, frequenta diversi corsi di formazione, tra i quali il corso di disegno artistico presso la scuola n° 301 di Leningrado. L’atmosfera della città d’arte come San Pietroburgo contribuì nello sviluppo estetico dell’artista.
“Io dipingo in diverse tecniche e lavoro con molti soggetti perché mi piace la vita con la sua ricchezza di colori, sfumature e sentimenti,- dice Irina - Noi tutti rimaniamo un po’ bambini, sensibili, fragili, istintivi. Pure dentro di me vive una bambina che crede che l’acqua ha un’anima, che i fiori parlano tra di loro e che le favole esistono”. Attualmente, l’artista vive e dipinge in Italia, partecipando alle mostre culturali. Il 23 aprile 2005 Irina Fedorova ha vinto il Premio Artistico Internazionale "Padre Pio" per la sua interpretazione pittorica sul tema "L'Amore, la Giustizia e la Pace del Mondo" ed è stata premiata con la Medaglia di Padre Pio Beato con la reliquia. I lavori della pittrice sono stati apprezzati dal presidente della giuria, Fondatore del Neoimpressionismo Romano e Unionismo, Cavaliere della Repubblica Italiana, Maestro Luciano Gasbarri. Il ritratto del papa Giovanni Paolo II , eseguito da Irina Fedorova, orna una delle aule dell’Accademia Internazionale Padre Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo. Nell'ottobre 2005 la pittrice Irina Fedorova ha partecipato nel Concorso Internazionale d'Arte San Crispino, svoltasi a Porto Sant'Elpidio ed organizzato dalla "Tavolozza" del Maestro Fernando Calvà, vincendo la Medaglia d'Oro (1° Premio alla Memoria, Bitunni Maria Calva). Il suo lavoro è stato eloggiato dal Maestro Fernando Calvà, il critico d'arte Dott. Maurizio Vitiello ed il critico d'arte slovacco Dott. L'uboslav Moza. Il Dott. Maurizio Vitiello ha caratterizzato lo stile dell'artista come "un'esplosione contratta della vitalità non repressa". Premiata al Concorso Internazionale d’Arte “San Crispino”, ottobre 2005. L'anno 2006 ha portato un nuovo successo alla pittrice Irina Fedorova. Al Festival internazionale d'arte contemporanea a Sanremo l'artista è stata premiata con la medaglia "Omaggio a Cristoforo Colombo. Cultura nel mondo". Il 6 gennaio 2006 il Vicario generale della Diocesi "Sanremo e Ventimiglia" ha consegnato la medaglia ad Irina Fedorova. Nel febbraio - marzo 2006 i quadri della pittrice russa sono stati ammirati dal pubblico ferrarese nel Castello Estense.




Data Inserimento: Thu, Mar 19, 2009 - 18:39:11

Artista N°: 11

Nome: Ema Veropalumbo

SPONSOR

Località: TREVISO
EMA VEROPALUMBO
nata il 22.04.1976, dipinge per passione.

“La passione per l'immagine ha stimolato la ricerca pittorica accompagnandomi, da autodidatta, nel percorso artistico. L'avventura artistica si è concretizzata in una scelta tematica e tecnica piuttosto complessa, a cavallo tra l'astratto, l'informale impressionista e il concettuale. La scommessa più ambiziosa che ricerco in ogni mia tela, è quella di vincere la banalità e far convergere in un unico obiettivo l'esperienza astratta. Dal 1995 ad oggi dipinge continuando la sperimentazione di materiali e di nuove tecniche espressive, usando il vetro, carta, legno, acciaio, plastica, con effetti rilievi, luce, ombre.. Intanto la sua pittura evolve e matura passando dal figurativo formale al figurativo informale ed all’astratto concettuale.La volontà di artista è stata quella di segnare un confine tra il reale e l'immaginario creando una nuova dimensione, un gioco metaforico per trasformare e deformare la tranquilla visione dell'opera carica di simboli e messaggi non chiari ai più. Il termine Minimalismo fu coniato per descrivere i lavori di un gruppo di artisti americani che, nel corso degli anni '60, elaborarono un nuovo tipo di astrazione geometrica integrale o seriale, del mondo dell'arte contemporanea. Il mio lavoro è stato sempre incentrato su un uso diversificato dei materiali e delle tecniche pittoriche. Una sperimentazione continua tesa a sollecitare le potenzialità espressive della materia e del colore non in rapporto o sensazione ma unica (forse) forma di vita. Come se sentissi l'esigenza di mettermi a completa disposizione della pittura, tramite della sua espressività. Per certi aspetti è il quadro stesso che mi guida, che mi suggerisce le varianti del suo divenire, che mi dà l'idea di un altro quadro e di un altro ancora. Lo scopo principale è valorizzare la cultura Contemporanea. La volontà di artista è stata quella di segnare un confine tra il reale e l'immaginario creando una nuova dimensione, un gioco metaforico per trasformare e deformare la tranquilla visione dell'opera carica di simboli e messaggi non chiari ai più. Il motivo per cui in questi quadri non troviamo oggetti è che gli oggetti costringono lo spettatore a mettere a fuoco in un certo modo, a guardare l'insieme della composizione in relazione all'oggetto dipinto. L'intenzione è proprio quella di non dire, di non spiegare, ma di creare e di spostare la comunicazione su altri piani.




Data Inserimento: Thu, Mar 19, 2009 - 18:22:32

Artista N°: 10

Nome: Silvia Beata

SPONSOR

Località: TORINO
SILVIA BEATA

E’ possibile raffigurare lo stupore dei bambini? Alcuni artisti riescono nell’intento: sono coloro che ritrovano in se stessi quello stesso incanto che, durante l’infanzia, i loro occhi di provavano incontrando le immagini di un mondo ancora da scoprire. Silvia Beata, giovane pittrice canavesana, è una di quelle persone: il suo tratto presenta quella singolare commistione di ingenuità e potenza comunicativa, ammirevole caratteristica degli autodidatti, che avvolge ogni visione in un’aura carica di emozioni. Ogni soggetto rappresentato, sia esso un castello, un paesaggio, un animale o un fiore, è visto “per la prima volta”, permeato di intima meraviglia che ne esalta i colori e le forme, che porta in onirica dissolvenza linee e contorni, che libera gli oggetti dalla formalità e li riveste delle emozioni che essi stessi trasmettono. I castelli, soggetto particolarmente caro all’artista, da semplici costruzioni si trasfigurano in luoghi da sogno, carichi di mistero e sorprese, teatro di favole e segreti, pronti ad assumere il colore dei fuochi d’artificio che esplodono nella notte (“Fuochi artificiali”). Allo stesso modo giaguari e tigri si dissolvono nelle loro qualità, la bellezza felina ed i colori sgargianti, tutt’uno coi loro occhi ammalianti e minacciosi, incarnando così le emozioni che pervaderebbero un bambino se si trovasse di fronte a questi animali. E poi i fiori, delicati messaggeri del colore, ora diafani e pronti a disperdersi tra mare e cielo (“Le calle”), ora sgargianti protagonisti di un rassicurante angolo di casa (“Vaso di fiori”), o ancora eterea bellezza sospesa in uno spazio indefinito (“Magnolie”). Il calore del legno fa da supporto alle danze di colore con cui Silvia Beata fissa momenti di purissima, innocente e totale contemplazione di piccoli angoli di mondo, rendendo partecipe l’osservatore di un modo di vedere la realtà che risulta estremamente distante dalla visione moderna: è il filtro degli occhi del primitivo (o del bambino, ma sono poi così diversi?), privo degli strumenti per capire, ma proprio per questo capace di lasciarsi permeare dalle sensazioni che natura e oggetti riversano sull’animo. Ecco allora che i dipinti si lasciano accogliere dagli occhi dell’osservatore come un momento intimo, come un istante di rassicurante silenzio durante il quale ricordi di infantile stupore riaffiorano, stimolati da soggetti che invitano ancora a giocare e fantasticare. Forse proprio come i bambini con cui Silvia Beata, quale insegnante di scuola materna, vive un quotidiano ed amorevole contatto. Dario Noascone
CENNI BIOGRAFICI

Silvia Beata, nata nel 1969 ad Ivrea, vive in Canavese. Diplomata alla Scuola Magistrale e successivamente in Arti Grafiche e Pubblicitarie, esercita la professione di insegnante di Scuola Materna. Amante della natura e delle terapie alternative, utilizza i suoi spazi dipingendo. Autodidatta, cresce come pittrice osservando i paesaggi canavesani a lei cari e li ripropone su tela dapprima e su legno poi. Dal 2004 in poi sboccia la sua colorata vena artistica, alterna acrilici ad acquerelli, paesaggi reali a luoghi fantasiosi con personaggi naif. I ricordi di vita agreste, da sempre nei racconti dei suoi nonni, spesso fanno capolino fra le sue opere. "I colori sono parole, emozioni, suoni e sentimenti che ti avvolgono, ti appassionano, ti servono! Il mondo senza colori sarebbe indistinto e limitato… Dipingere per me è come respirare: entra un pensiero ed esce un segno. Il pennello definisce spazi e figure che il colore riempie facendo risaltare la composizione."




Data Inserimento: Wed, Mar 18, 2009 - 12:59:12

Artista N°: 9

Nome: Bruno Pastore Galderio

SPONSOR

Località: CASERTA
Bruno PASTORE GALDERIO


The free thought to make Art - Il libero pensiero di fare arte - I critici hanno scritto che l'estro artistico delle opere d'Arte, perché di Arte si tratta, dell'Architetto Bruno PASTORE GALDERIO sono innovative ed altamente significanti per l'Arte Contemporanea.
Il movimento artistico sorto nel 1991 con la denominazione di “The free thought to make art“ è rivolto a quanti hanno suffragato nella parola Arte ogni elemento di distacco dalla poetica creativa dell'estro umano.
L'Arte di per sé è una astrazione terminologica che impone ad ogni uomo la sua più ampia connotazione di libertà del suo FARE (TO MAKE), e pertanto esso deve definirsi tanto più artistico quanto maggiore è l'essere estrinsecato della poetica della propria libertà di FARE.
La produzione del FARE dell'architetto Bruno PASTORE GALDERIO esordisce non solo con opere pittoriche ma anche con oggetti di design, già ampiamente riconosciute nell'ambito nazionale e internazionale.
L'architetto Bruno PASTORE GALDERIO, fondatore e promotore del movimento ”The free thought to make art“ ha modo di perequare il FARE di ogni artista in quanto uomo e essere pensante e creativo e libero. É doveroso sottolineare quanto democratico è il senso filosofico della poetica artistica dell'architetto Bruno PASTORE GALDERIO profusa nelle sue creazioni, nonché l'importanza di preparare l'individuo che ignora l'essenza di un manufatto alla comprensione dell'opera d'Arte, in quanto futuro fruitore della stessa. Le opere che sono gentilmente concesse in visione nella sezione “La Galleria d'Arte“ del sito dell''architetto Bruno PASTORE GALDERIO, possono trovare ampio accoglimento con altri Artisti, dimostrando ancora il senso della perequazione, della libertà del pensiero artistico dell'ideatore e quindi di ogni individuo. Altro elemento democratico e di ampio respiro è lo stesso sito che l'architetto Bruno PASTORE GALDERIO ha realizzato a seguito della liberalizzazione delle professioni, con particolare riguardo a quella propria di architetto, in cui offre la sua prestazione di libero professionista con onorari a prezzi chiusi e immodificabili in base alla prestazione progettuale esecutiva resa secondo quanto rubricato nell'abaco prezzi relativamente alle Sezioni di servizi on line. Il Critico d'Arte Gerardein SOBLA TRUPOO



PAGINA PRECEDENTE   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   PAGINA SUCCESSIVA
(Totale Artisti: 93)